Passa ai contenuti principali

Dirty Dancing 2 Havana Nights

Dance movie, Dance movie, Dance movie....
di film di questo tipo ne ho visti tanti, e il genere mi piace sin da quando bambina vidi in tv La Febbre del sabato Sera con l'idolo di allora - e tutt'ora lo è - John Travolta.
Da adolescente vidi Dirty Dancing e per chi è stato ragazzino negli anni ottanta questo film è diventato cult, arriva il terzo millennio e mi fanno non un sequel, ma un prequel!!!
Per carità carino, la confezione è patinata, pregievole, ma ci manca il pepe della trasgressione che era presente nell'originale, ma i tempi cambiano, non siamo più nei mitici eightees, ora siamo nel terzo millennio, e la struttura non è più quella che ha reso il film di Emile Ardolino quasi immortale.
Oddio è una parola grossa, me ne rendo conto, ma come si dice nessuno mette Baby in un angolo, neppure questo film; eh si lo devo dire anche se è bello, e intrigante non è certo come l'originale...quello davvero parlava di una crescita, dell'abbandono al mondo dell'infanzia per diventare adulti, questo qui non ha la stessa forza emotiva del capostipide, ma ha l'amore al centro, e la speranza di qualcosa di meglio nella vita, come il protagonista, che con la sua famiglia in segreto combatte per la revolucion, che porterà Castro come dittatore di Cuba al posto di Batista.
Il film è ambientato ai tempi della rivoluzione di Cuba, nel 1958, e al centro c'è una gara per vincere soldi che viene descritta come simbolo di emamcipazione per una vita migliore.
Ma oltre ai difetti ci sono pure i pregi, il coraggio, la passione, il sole di cuba, e la musica, tanta musica, che riesce insieme alla trama a coinvolgere il pubblico, il che non è poco.
In conclusione, un film diverso dal primo Dirty Dancing che riesce a vivere di luce propria, non pretendendo di essere legato al primo...nonostante i difetti.
Voto: 6


Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.