Passa ai contenuti principali

Dirty Dancing 2 Havana Nights

Dance movie, Dance movie, Dance movie....
di film di questo tipo ne ho visti tanti, e il genere mi piace sin da quando bambina vidi in tv La Febbre del sabato Sera con l'idolo di allora - e tutt'ora lo è - John Travolta.
Da adolescente vidi Dirty Dancing e per chi è stato ragazzino negli anni ottanta questo film è diventato cult, arriva il terzo millennio e mi fanno non un sequel, ma un prequel!!!
Per carità carino, la confezione è patinata, pregievole, ma ci manca il pepe della trasgressione che era presente nell'originale, ma i tempi cambiano, non siamo più nei mitici eightees, ora siamo nel terzo millennio, e la struttura non è più quella che ha reso il film di Emile Ardolino quasi immortale.
Oddio è una parola grossa, me ne rendo conto, ma come si dice nessuno mette Baby in un angolo, neppure questo film; eh si lo devo dire anche se è bello, e intrigante non è certo come l'originale...quello davvero parlava di una crescita, dell'abbandono al mondo dell'infanzia per diventare adulti, questo qui non ha la stessa forza emotiva del capostipide, ma ha l'amore al centro, e la speranza di qualcosa di meglio nella vita, come il protagonista, che con la sua famiglia in segreto combatte per la revolucion, che porterà Castro come dittatore di Cuba al posto di Batista.
Il film è ambientato ai tempi della rivoluzione di Cuba, nel 1958, e al centro c'è una gara per vincere soldi che viene descritta come simbolo di emamcipazione per una vita migliore.
Ma oltre ai difetti ci sono pure i pregi, il coraggio, la passione, il sole di cuba, e la musica, tanta musica, che riesce insieme alla trama a coinvolgere il pubblico, il che non è poco.
In conclusione, un film diverso dal primo Dirty Dancing che riesce a vivere di luce propria, non pretendendo di essere legato al primo...nonostante i difetti.
Voto: 6


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.