Passa ai contenuti principali

Eden Lake

Questo SI che è un bel film.
Uno di quelli tosti, con le palle per così dire, uscito molto prima del pasticcio The Woman in Black con Daniel Radcliff, si presenta come un opera completa, più curata e diretta coi controcoglioni.
Innanzitutto niente è come appare, abbiamo una coppietta che decide di passare un weekend, e un gruppo di "innocenti" ragazzini che sono più pestiferi di quanto si possa immaginare.

La cosa che intriga sta nel fatto che nonostante si possa immaginare che la trama sfrutti molti titoli precedentemente usciti, ha una sua originalità.
E si guarda bene da essere un opera citazionista, come? Il regista ha l'intelligenza di capovolgere le regole del genere, e di fare un horror o thriller alla sua maniera.
Dimostrando per di più di saper dirigere e dare il punto di vista alla storia, strizzando l'occhio ai classici di cui il film è francamente ispirato.
La sua originalità è che non ti aspetti che ci siano bambini capaci di uccidere, spesso in opere del genere c'è il maniaco, o un adulto a interpretarlo, qui ci sono semplici e "docili" pargoletti che scassano, rubano e uccidono.
I protagonisti diventano vittime inconsapevoli del gruppo di ragazzini, all'inizio lui li sottovaluta e sarà la fine, perchè questi docili bambini non gliela faranno passare liscia.
Forse non hanno fatto i conti con la sua donna che diventa ancora più incazzata quando si accorge che hanno fatto fuori il suo fidanzato...e allora raggiunge i genitori che...basta!! Stop!!!
Vietato spoilerare.
Il film è un opera ispirata, e a tratti fuori di testa, diretta da un regista a suo agio in storie del genere, di meno in opere psicologiche come la sua opera seconda, ma è tutto un altro discorso.
A me è piaciuto e ve lo consiglio vivamente, sono sicura che vi piacerà.
Voto: 7 e 1/2




Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.