Passa ai contenuti principali

Woman in Gold

Woman in Gold l'ho visto questa estate, in lingua originale, non ho visto la versione doppiata perchè occupata con il mio romanzo. Cercherò di farlo.
Comunque sia lo recensisco all'uscita cinematografica, così l'attenzione per questa pellicola sarà maggiore.
Film tratto - come tutte le storie legate all'olocausto - da una storia vera.



Questa è la storia di una famiglia a cui i tedeschi hanno confiscato tutti i beni compreso un quadro di Klimt fatto tutto d'oro raffigurante una donna, la zia della protagonista morta in un campo di sterminio ne era proprietaria e il film si basa sulla battaglia legale per riottenere il dipinto.
Battaglia portata avanti grazie all'ostinazione del giovane avvocato che si prende a cuore la causa e aiuta Maria Altmann, a riottenere il suo quadro.
Detto così sembra la solita storia trita e ritrita di tante vite segnate dalla tragedia della Shoah, invece è il grido agguerrito di una donna che non si ferma davanti a niente e a nessuno per far rispettare i suoi diritti: anche se ci vorrà molto tempo per riottenere il quadro della zia.
Non ha quindi nessuna importanza come si svolge la battaglia, l'importante è non arrendersi mai: anche quando le cose si mettono male; anche quando si rischia davvero di perdere il quadro che è tuo di diritto.
L'avvocato si rivelerà agguerrito perchè oltre a prendersi a cuore la causa si affeziona a Maria, e intende fare rispettare la legge e restituire ciò che le spetta di diritto.
Si è un film particolare, difficile ma molto affascinante, colpisce nel profondo perchè il regista sa cogliere i sentimenti dei suoi protagonisti.
Quanti registi al giorno d'oggi sono capaci di dare vita ai personaggi? Pochissimi ve lo assicuro io.
Il film ne è un ottimo esempio.
La visione è consigliatissima, pur non essendo un capolavoro fa il suo porco lavoro, essendo un buon film capace di attirare l'attenzione dello spettatore senza avere l'ambizione del capolavoro assoluto.
Il regista è capace di sottolineare anche la crudeltà di coloro che si sono appropriati del dipinto e non intendono restituirlo se non dietro una causa legale, anche se la proprietaria avrebbe tutto il diritto di portarselo in mano perchè le appartiene.
Che dire? Guardatevelo.
Voto: 7



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.