Passa ai contenuti principali

American Horror Story Asylum

E finalmente ci siamo, ecco la recensione della seconda stagione di American Horror Story che si guadagna il titolo di serie tv della stagione, e che stagione.
Asylum è di gran lunga più inquietante e disturbante di The House of Horror.
Il format credo che lo conosciate tutti, cambia trama e personaggi di stagione in stagione, ed è questo il punto di forza di questo telefilm, tra i più belli visti di questa stagione.
Ryan Murphy ha fatto centro un altra volta, se nella prima stagione si parlava di casa infestata dai fantasmi, in questa stagione il luogo oscuro è un ospedale psichiatrico, gestito da suor Jude.
Attenzione, se in un primo momento il personaggio di Suor Jude può sembrare odioso, man mano che il telefilm va avanti, si notano mille sfaccettature di questo personaggio, e Jessica Lange, vero e proprio nome tutelare del serial, lo interpreta divinamente.
Devo dire che questa attrice è una grandissima attrice, mi devo cercare i suoi film perchè il suo talento è straordinario e merita una certa considerazione.
L'ospedale psichiatrico di Briarcliff, diventa il teatro delle paure umane, paure che sono rappresentate dalle possessioni diaboliche, e dagli esperimenti di un dottore che un tempo è stato un ricercatore nazista protetto dal direttore dell'istituto, padre Howard.
Loro sono daccordo per la creazione di creature orribili che vagano libere nelle vicine campagne di Briarcliff.
Suor Jude invece è una severa suora che guida l'istituto per malati mentali, all'apparenza e soprattutto nelle prime puntate credete che sia una bastarda, ma non è così dietro questa figura dura, si nasconde una donna in crisi perchè crede di aver ucciso una bambina, e questo dualismo che puntata dopo puntata ci fa conoscere la vera Jude, che altri non è che una persona in crisi tra fede e il rimpianto di aver tolto la vita a un essere umano.
A peggiorare le cose si ci mette anche una suora pura, che poi viene posseduta dal demonio, fino alla sconvolgente morte, e nel frattempo si cerca il serial killer Bloody Face, ma c'è una giornalista lesbica che vuole indagare e viene internata a Briarcliff, con un ragazzo la cui moglie è stata rapita dagli alieni.
Insomma avete capito, American Horror Story Asylum non è certo quel seguito che ti aspetti, ogni puntata c'è una sorpresa, e la giornalista lesbica è il personaggio che mi ha colpito maggiormente.

Lana Winters è l'eroina della serie, un personaggio complesso e sfaccettato di cui solo un attrice di grande talento e sensibilità poteva interpretare - ma conocete qualche film con Sara Paulson per caso? XD - Che si trova a subire una "cura" per diventare eterosessuale, rischiando anche la sua salute psichica, ma la sua grande forza di carattere le permetterà di salvarsi dal vero Bloody Face, che la segregherà a casa stuprandola e tentando di ucciderla.
Da questo stupro nasce un figlio, che diventa assassino esattamente come il padre, il finale ve lo lascio solo immaginare, ma lei non è la sola ad essere vittima, anche la sua compagna è stata uccisa da questo sadico assassino, che si diverte a squoiare le sue vittime e usare la pelle per decorarsi casa.
Vi sembra poco? Anche un ragazzo la cui moglie è sparita è stato internato a Briarcliff, in cui conoscerà una ragazza che si innamorerà di lui, ed in un primo momento è stato scambiato per Bloody Face.
Una stagione ricchissima di colpi di scena e sorprese che non vi immaginate, stavolta Ryan Murphy ha superato se stesso, compreso anche il suo socio in questa avventura: Brad Falchuck.
In conclusione, correte a vedere anche questa seconda stagione, ne vale davvero la pena.
Voto: 8 e 1/2


Commenti

  1. grande stagione!
    e la nuova coven mi sta entusiasmando ancor di più...

    RispondiElimina
  2. si hai ragione, Coven a breve la comincio ^_^

    RispondiElimina
  3. Ancora più bella della prima nonostante la presenza degli alieni, che in generale è un argomento un po' inviso almeno per me.
    E ha ragione il Cannibale, quella nuova è ancora meglio!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.