Passa ai contenuti principali

Mad Men Stagione 1

La prima stagione è appena terminata, e ora c'è la recensione di quella che definisco la serie più interessante che ho visto dai tempi in cui cominciai a interessarmi tanto tempo fa di coniugare cinema e tv.
Innanzitutto è ambientata negli anni 60, con costumi, canzoni d'epoca perfettamente curati, la trama racconta le vite dei pubblicitari della Sperling e Cooper, e il protagonista è l'enigmatico Donald "Don" Draper, che sembrerebbe un ottimo padre di famiglia, come del resto lo sono i suoi colleghi, tra cui spicca l'ambizioso Pete Campbell, la segretaria Peggie e tanti altri personaggi.
Si lo so cosa state pensando ma io smentisco subito i vostri pensieri, no non è pallosa, anzi è qualcosa di più perchè innanzitutto è particolare, all'inizio comincia a sembrarti strana, ma man mano che le puntate vanno avanti i personaggi e le loro storie cominciano a sembrarti molto familiari, si perchè c'è un mondo intero intorno a Mad Men, il personaggio che mi ha colpito maggiormente è Betty, la moglie di Draper, in passato giovane modella, ora mamma a tempo pieno che si mette in analisi per un tremore alle mani, e poi c'è Don, che ha praticamente ricostruito la sua vita dopo la guerra, ma ovviamente se ancora non avete cominciato non vi dirò nulla.

Smentite le prime sensazioni che provate, e lasciatevi trascinare da questo piccolo gioiellino, arriverete ad apprezzarlo e non potrete più vivere senza Mad Men....scherzi a parte.
Piccolo esempio delle sensazioni che mi ha suscitato non appena ho deciso di catapultarmi nei 60s e di assaporarne la magia.
Eh si perchè i comportamenti dei nostri protagonisti non sono poi tanto diversi dai nostri, tutti hanno una doppia vita, alcuni anche una tripla o quadrupla, ma ognuno si presenta intatto agli occhi dello spettatore, quale può immedesimarsi in loro, senza sfaccettature, perchè sono uomini esattamente come noi.
Matthew Wein ha creato un prodotto di intrattenimento adulto e maturo, capace di conquistare il pubblico apparendo esattamente per come è, senza pretendere chissà che cosa, perchè come dissi una volta, sono le cose sempici a risultare più memorabili.
Dopo Twin Peaks, questa serie merita il secondo posto tra i miei telefilm del cuore.
In conclusione, un piccolo capolavoro da non perdere.
Voto: 10



Commenti

  1. è la stessa impressione che aveva fatto anche a me.
    qualcosa di grande (quasi) quanto twin peaks.
    e anche le stagioni successive non si riveleranno niente male...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aaaaaah allora ho fatto bene a cominciarla :)

      Elimina
  2. Risposte
    1. non lo so, di breaking bad ancora ho visto solo la prima puntata della prima stagione non te lo so dire con precisione, ma è un capolavorissimo ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.