Passa ai contenuti principali

Good Night and Good Luck

Good Night and Good Luck racconta del giornalista che mise fine con il suo programma alla caccia alle streghe comuniste del senatore McCarthy negli anni sessanta, e soprattutto della guerra fredda, oltre delle problematiche legate a giochi di potere che avevano paura del potere della televisione che entra nelle case degli americani, e attraverso questo mezzo che George Clooney con il patrocinio di Soderbergh, dirige la sua opera seconda, dove la televisione non è vista come mezzo per edulcolorare la realtà, ma come mezzo per la libertà e la verità, e per porre fine a una persecuzione che ha messo al bando chi era comunista o aveva solamente simpatie di tale ideologia politica.
La libertà di espressione e di parola racconta quello che non piace che la gente sappia, ed è fastidiosa per chi esercita il potere, ne abbiamo un esempio in italia, dove un imprenditore come Berlusconi proprietario di un impero mediatico diventa presidente del consiglio, ma questa è un altra storia.

Il giornalista in questione si chiamava Edward R Murrow, e attraverso il canale CBS, denunciava le accuse avvolte totalmente infondate, altre volte inventate di sana pianta, solo per semplici sospetti filocomunisti, di onesti cittadini che rischiavano il posto di lavoro, e avvolte persino la loro dignità.
Nonostante le accuse, le minacce di morte, e il rischio di perdere il suo stesso lavoro, come accadrà a un collega che mancava poco ad ottenere la pensione, perde il posto e si suicida per la vergogna, attraverso il programma televisivo del martedì sera See it Now, che fa conoscere ai cittadini la gravissima mancanza di libertà a cui l'america stava rischiando di trovarsi, grazie al supporto del suo amico e produttore Fred Friendly, continua la sua campagna di denuncia per far terminare il fanatismo legato al maccartismo e liberare l'america da questa assurda caccia alle streghe.

Murrow è interpretato da David Strathain qui davvero straordinario, Clooney si regala il suolo di Friendly per raccontare quello che secondo me è il suo miglior film da regista.
Un piccolo capolavoro potrei definirlo, che racconta senza peli sulla lingua il potere televisivo che smaschera il potere politico, senza paura e senza alcun timore, rischiando il tutto e per tutto per far conoscere alla popolazione il marcio di una ideologia pericolosa e sbagliata, che stava cancellando piano piano i principali diritti degli individui: cioè quello di scegliere liberamente le proprie simpatie politiche, nessuno deve dire a me o a voi per chi devi votare, e questo è un diritto inviolabile della libertà umana.
Voto: 8


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.