Passa ai contenuti principali

Gli amanti passeggeri

Ola, ecco a voi il nuovo film di Pedro Almodòvar, che per poterlo vedere ho dovuto aspettare l'uscita in dvd perchè prima non si trovava, vabbè eccomi ora che l'ho visto posso dire la mia.
Ebbene il nostro Pedro mette in scena una commedia che ricorda gli antichi fasti dei suoi inizi, che sulla carta doveva essere allegra, scanzonata e trasgressiva.
I presupposti ci sono tutti ma...gli anni ottanta della movida spagnola ormai sono molto lontani.
Gli amanti passeggeri è un film che cerca in tutti i modi l'ironia delle prime pellicole che hanno trovato il culmine con il bellissimo Donne sull'orlo di una crisi di nervi, con il solo limite di non toccarle nemmeno.


A questo film  manca qualcosa, è troppo patinato, troppo costruito e poco originale per essere diretto da Almodòvar, che il buon Pedro abbia perso la strada della goliardia e della freschezza dei suoi primi lavori lo si capisce dalle prime scene.
Lontanissimo da capolavori come Parla con Lei o Tutto su mia madre che hanno rappresentato l'apice della sua maturità artistica e lo hanno fatto conoscere a livello internazionale vincendo due oscar, il primo come miglior film straniero e il secondo come migliore sceneggiatura, con questo film invece ha voluto allontanarsi fin troppo dal suo stile unico e originale che me lo hanno fatto apprezzare.
Un film anonimo che è l'ombra del Pedro che fù, quei tempi ormai sono finiti, forse è arrivato il momento di puntare su altri soggetti non credete?
Decisamente minore rispetto a tanti film, ma non ha solo difetti, il suo pregio sta nella recitazione degli attori, a cui Almodòvar affida un ruolo in primo piano, ma questo è troppo poco per fare un grande film.
Bravissimo come sempre Javièr Camara attore ormai presentissimo nelle produzioni di Pedro sin dai tempi di Parla con lei.
Questo film lascia l'amaro in bocca, nonostante tenti di divertire da allo spettatore un senso di già visto, come se Pedro Almodòvar rifacesse se stesso, e non ha proprio bisogno di farlo.
Quasi sufficiente Voto: 5 e 1/2




Commenti

  1. per me è un film insalvabile e inutilmente e fintamente sopra le righe...

    RispondiElimina
  2. un volo proprio bruttarello...
    e non sto parlando di fabio :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.