Passa ai contenuti principali

La fine del mondo

Ooooh Yeeaaah, e ora ci siamo, avete presente un gruppo di amici squinternati, che da ragazzini hanno fatto il giro per i pub per incidere un record e bere birra finchè non ne potevano più? Ecco quel record non è stato toccato, allora il più matto di loro che ancora non si è staccato dal ricordo della gioventù, decide di ripetere l'operazione e di raggiungere quel record, e anche se ce la fanno, di superarlo addirittura.
All'inizio la cosa è complicata, i suoi vecchi amici sono tutti accasati, con moglie, figli e anche un lavoro, ma poi la vecchia scintilla scocca di nuovo e così viaaaaaaaa alla bevuta di birra.
I primi momenti sembra risorta l'antica scintilla che li porta ai ricordi di quando erano ragazzini e giravano per i pub a cazzeggiare, ma una cosa li fa aprire gli occhi: Il mondo non è più come quando erano ragazzini loro.

E così comincia con scene esilaranti, e situazioni goliardiche, i vecchi amici diventati bacchettoni per via delle nuove responsabilità familiari e lavorative, l'unico che sembra essere rimasto ai vecchi tempi della gioventù ed è stato persino in un ospedale psichiatrico è Gary King.
Il nostro mattocchio si trasformerà forse in eroe? Eh si perchè si accorgono dell'invasione di duplicanti degli umani che ha sostituito le persone.
Già dopo i primi giri tra i pub si accorgono che qualcosa non quadra, ci sono persone che sembrano finte, ma cosa è accaduto realmente?
I nostri si trasformeranno in eroi per scoprire l'intrigato segreto che si cela dentro la loro città.
A complicare il tutto si ci mette anche una ex fidanzata di uno di loro con cui Gary ha avuto una liasion ai tempi della scuola.
Il film mescola sapientemente, comico e action, e fa parte della trilogia del cornetto, in cui fanno parte i film Hot Fuzz che ho e con la scusa cercherò di recuperare, e L'alba dei morti dementi che è il primo capitolo.
La fine del mondo invece è l'ultimo capitolo, e comincia come un qualsiasi film comico per poi virare in atmosfere da invasione aliena, degna di un film di fantascienza.
Eppure con tutti questi ingredienti il film non manca mai il suo scopo primario, mi spiego sia intrattenere lo spettatore, sia di divertirlo, quindi non è un semplice intrattenimento.
Il regista sa dosare bene gli ingredienti e nonostante il film risulti in parte demenziale - ovviamente nel senso buono - la cosa risulta un po' come ciliegina sulla torta per fare in modo che il pubblico si senti parte del film...ed è una cosa nuova perchè di solito i registi non riescono a dosare bene, e avvolte il risultato esce fuori dalla pentola.
Ovviamente non è il caso di questo film.
Voto: 7 e 1/2


Commenti

  1. fichissimo!
    uno dei film più divertenti dell'anno

    RispondiElimina
  2. Degna conclusione di una delle migliori trilogie moderne!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non mi resta che recuperare gli altri film della trilogia del cornetto :D

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.