Passa ai contenuti principali

La Chiave di Sara

Ecco un altro film che parla della deportazione degli ebrei francesi nei campi di sterminio, questo film a differenza di Vento di primavera che è un racconto in contemporanea dei fatti tragici avvenuti, questo film è un film sulla ricerca di un fatto tragico avvenuto allora, protagonista  è un americana che vive da tanti anni a parigi, e va a vivere nell'appartamento di Sara, una ragazzina scomparsa, che ha chiuso suo fratello nell'armadio per non farlo trovare dai tedeschi per salvargli la vita, ma che ha dimenticato di lasciargli la chiave, per questo motivo il bambino è morto.
Gilles Paquet-Brenner, narra il film come fosse un viaggio  interiore della protagonista, che vuole capire che fine ha fatto Sara e quale verità si cela nel mistero della famiglia del suo compagno, Julia, che interpretata da una bravissima Kristin Scott-Thomas, vuole cercare Sara, perchè in realtà lei cerca se stessa, e si prende a cuore questa ricerca, conoscerà solo le persone che si sono occupate di lei e che le raccontano la sua vita, in un dramma che percorre le infinite strade della vita, e dell'odio, che nonostante tutto, non può esistere sempre tra esseri umani, questo deve essere presente perchè un atto tragico contro esseri umani, dovrebbe non essere mai dimenticato, alla fine Sara vivrà sempre con questo senso di colpa dentro, nonostante voleva fare una buona azione, vedrà tutta la sua famiglia sterminata dai nazisti, lei riesce a scappare, Julia ne è convinta che la ragazza sia riuscita a sopravvivere allo sterminio grazie ad altre prove, e incartamenti sparsi negli archivi, il che la farà viaggiare parecchio fino ad arrivare a Firenze, dove scoprirà che Sara ha avuto un figlio, all'inizio lui la caccia via, ma alla fine vuole sapere la verità, e Julia gli darà il diario di sua madre, nel frattempo Julia è diventata Madre e alla bambina le ha dato il nome Sara, in onore della donna scomparsa.
Film tratto dal romanzo di Tatiana de Rosnay, mette in luce un fatto poco noto accaduto durante la seconda guerra mondiale, durante il Rastrellamento del Velodromo d'inverno.
Un film che è capace di far riflettere e commuovere.
DA NON PERDERE.





Commenti

  1. ottimo film, che evita di essere di essere il solito film sull'olocausto.
    l'unica cosa che non mi ha convinto granché è il finale, dove si poteva fare parecchio di meglio...

    RispondiElimina
  2. Da non perdere...ed io me lo sono perso. Dovevo andare al cinema con i miei amici, ma è capitato nella programmazione di Pasqua e non mi è riuscito. Spero di recuperarlo presto :D

    RispondiElimina
  3. si è un film davvero bello, capace di far riflettere sull'olocausto e soprattutto sulla vita in generale :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.