Passa ai contenuti principali

Mignon è partita

Opera prima di Francesca Archibugi, che già sottolinea i temi portanti del suo cinema che sono il disagio degli adolescenti, e il passaggio all'età adulta, che vedrà la sua genesi nel bellissimo Il Grande Cocomero di cui presto  parlerò alla fabrica, ma veniamo al film, che è girato nel 1988 e per essere un opera prima è davvero un bel film, ma diciamocelo, dimostra anche di essere un opera matura, e per un opera prima è un punto a favore della sua autrice, e scusate se è poco.
Mignon è un adolescente che è costretta a lasciare la sua casa per passare le vacanze estive con gli zii italiani, di ramo più umile, dopo che il padre è stato arrestato per aver usato materiale difettoso in un cantiere che ha causato la morte di due persone,  ma la ragazza si dimostra insofferente e altezzosa verso la semplicità di quegli zii, e difficilmente lega con le cuginette, tranne che con Giorgio, scoprendo di avere in comune la passione per la lettura, e qui che avviene il viaggio iniziatico che porterà i due ragazzini a ritrovarsi nella loro incapacità di integrarsi con il mondo che  li circonda, Mignon perchè ad un primo momento risulta snob e altezzosa, Giorgio, perchè è diverso dalla sua famiglia, e finirà per innamorarsi di lei, ma è molto timido e riservato e non riuscirà mai a rivelare il suo amore per lei, che resterà custodito nel suo cuore, fino a quando Cacio un bulletto amico del figlio più grande di Zia Laura - una strepitosa Stefania Sandrelli - la seduce, nella libreria dello zio, luogo di incontri clandestini nonostante fosse una libreria, per il ragazzo inizia una crisi depressiva, accentuata dal fatto di veder crollato il sogno di svelare i suoi sentimenti, fino a commettere un tentativo di suicidio, ma fortunatamente viene salvato in tempo, proprio quando le cose sembrano rimettersi a posto, Mignon rivela a tutti di essere in cinta, ma il suo è un gesto plateale, che viene fatto per tornare a casa, Il giorno della sua partenza, sarà per Giorgio, un segno inequivocabile del suo passaggio di formazione, da adolescente a maturo, quando si renderà conto di non riuscire più ad entrare con il cancello chiuso, e ripenserà a come le cose potessero andare diversamente se avesse dato il sospirato bacio sul collo a Mignon.
Francesca archibugi dimostra di avere sensibilità, e dirige un film emotivo che riesce a parlare al pubblico anche con semplici gesti e con semplici scene, l'apparentemente fredda Mignon, si vede come un aliena in mezzo a quei parenti caciaroni, e urlatori, che con semplicità vivono la loro vita, che è nettamente all'opposto alla sua, si trova meglio con Giorgio, che è rispetto agli altri più riflessivo, più timido e meno popolano.
Un film che è un viaggio che passa dall'adolescenza alla maggiore età, svelando molto della sensibilità dei ragazzini che spesso e volentieri non vengono compresi dal mondo degli adulti, perchè troppo impegnati a vivere la loro vita, non sarà una convivenza facile, ma permetterà a queste due gocce sul mare di esprimersi, anche solo per poco tempo e incrociare i loro percorsi nonostante i litigi, nonostante, l'impossibile convivenza con gli altri, la regia della Archibugi riesce a mettere in chiaro questo, è precisa, netta, senza troppi giri di parole, perchè vuole che lo spettatore capisca i personaggi, non li deve compatire, l'apparentemente antipatica Mignon, in realtà è una ragazza che si trova in una situazione in cui non vuole stare, e sarà anche per lei un viaggio iniziatico, anche se per poter tornare a casa è costretta a dire una bugia, poco importa, il succo del discorso è la comprensione, e avvolte basta così poco per capire.
DA NON PERDERE



Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.