Passa ai contenuti principali

Elephant

Film vincitore della palma d'oro a cannes, finalmente per Gus Van Sant è il riconoscimento che ci voleva dopo una carriera con titoli strabilianti, il film è ispirato al massacro del liceo di Columbine, è un film sperimentale che catapulta lo spettatore dentro la scuola, dove si sono svolti i fatti, ci fa entrare nelle vite degli adolescenti, per un giorno di ordinaria follia, che va avanti come sempre, con tutta la superficialità e il vuoto delle loro vite, allo stesso tempo ci fa entrare nelle vite di coloro che poi effettivamente saranno i responsabili della strage, ragazzini che giocano a videogames, dove chi ammazza di più persone vince un premio, dove si esalta il mito di Adolf Hitler, tutto scorre lentamente, in modo statico, così come la regia di Van Sant che si limita a narrare gli eventi per come si presentano, è un giorno qualsiasi, ma sarà anche un giorno diverso, dentro quelle vite vuote c'è un problema che tutti sanno, ma che nessuno vule parlare, ci sono ragazze bulimiche che si preoccupano solo di uscire tra loro, ragazzi che fanno foto, ragazzi che cazzeggiano, in un vuoto assoluto senza coscienza, e senza identità, ed è proprio in questo vuoto che accade l'irrimediabile, la tragedia scoppia inaspettatamente per tutti, il ragazzo biondo, che è uscito dalla scuola quello che gioca con il cane  invita gli amici e i compagni a non entrare a scuola, dove si sta consumando una delle stragi più efferate.
E' un esplosione di violenza che esplode in un vuoto, dove regnano fatti frivoli, gente annoiata, quasi come se questo evento accade senza un particolare motivo, infatti è incomprensibile, ed è anche immotivata, e non c'è dato di capire, ma solo di osservare, e si rimane atterriti e impressionati, quasi come lo spettatore stesso fosse dentro la scuola, il film di Gus Van Sant è duro, è spietato, perchè vuole raccontare un esplosione di violenza immotivata, ma ci prepara al dunque mostrando tutti i protagonisti della storia, quasi come lo spettatore dovrebbe vivere accanto a  loro, e immergersi nelle loro vite, in quel giorno di ordinaria follia, non ci sono adulti che li osservano, che gli stanno vicini, c'è solo il vuoto assoluto, e dentro questo vuoto avvolte si è incapaci di pensare e di fermarsi, si agisce d'istinto, come se quasi questo stesso vuoto fosse una prigione da cui uscire e urlare e questa è una cosa drammatica e impressionante.
Van Sant forse ha girato il suo film più duro e disperato, ma quella disperazione ha in se un messaggio preciso, che non deve essere capito, ma solo osservato, possiamo indignarci, possiamo condannare, possiamo anche criticare, ma quel vuoto nel bene o nel male, rappresenta la vita di ognuno di noi, anche se avvolte c'è chi riesce a sognare o ad andare avanti, ma chi rimane avviluppato nel vuoto ne rimane vittima e poi diventa carnefice.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE!!!




Commenti

  1. lo ricordo come un gran bel film, un anno fa ho visto "Politecnique", di D. Villeneuve, una storia simile, con tempi rallentati,
    DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE!!!

    ciao

    RispondiElimina
  2. aaaaaaah lo cercherò allora grazie ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.