Passa ai contenuti principali

Biancaneve

Va bene, che dobbiamo fare? Ci guardiamo il film in santa pace godendocelo, oppure lo guardiamo ma ci rimane l'amaro in bocca? Tarsem Torna al cinema dopo il deludente Immortals per portare sullo schermo Biancaneve e i sette nani, ok tutti siamo cresciuti con il film disney, che è in lista tra i film da recensire e ben presto lo farò, tutti siamo cresciuti facendoci leggere la fiaba degli Andersen dai nostri genitori, ma ora va di moda cambiare radicalmente la storia ai grandi classici, mi chiedo il perchè? Ammetto che il film non mi è dispiaciuto, ma di certo non si può mettere tra le migliori versioni di Biancaneve, ok, magari Tarsem ha dato una versione personale dell'opera e ci starebbe pure, la cosa che mi chiedo è questa, perchè rendere Biancaneve più cazzuta del principe azzurro? Di questo mi sbatto la testa al muro, ma i maschi sono diventati rammolliti? Ok che l'originale disney faceva vedere una biancaneve che faceva torte in continuazione,  mi chiedo a che pro mettere il femminismo in una fiaba che non è per nulla maschilista o sessista?
Il film nonostante i difetti, è un tantino superiore a Immortals, con scenografie bellissime e costumi coloratissimi, e ha dei personaggi affascinanti, la cosa che non sopporto? Una pomposità che appesantisce di molto il film e Julia Roberts nel ruolo della strega, ma ragazzi, secondo voi è credibile una strega con il volto di Julia Roberts, con quella bocca grande come un forno e quei capelli rossi che sembrano una parrucca finta? Il volto della strega è rassicurante, quando dovrebbe essere inquietante e gettare un onda di fascino perverso nello spettatore, Julia Roberts, lasciatemelo dire, non riesce ad essere credibile come cattiva, la sua strega è una bambolotta senz'anima che pensa solo a farsi bella e a fare il culo a biancaneve, che a differenza e qui Tarsem ha fatto forse un azzardo ma glielo concedo, l'attrice mi sta simpatica, è sexy, ed è in contrapposizione con la regina cattiva che dall'aspetto non sembra tanto cattiva, a proposito di Biancaneve, è proprio cazzuta, sguaina la spada, ha il coraggio di duellare coi cattivi spezzandogli la schiena, la cosa è divertente lo ammetto, ma lasciatemelo dire, non ha nulla a che vedere con la fiaba degli Andersen, è un film a parte,che va visto per come è può piacere o lo si può detestare, resta comunque un opera un po' sopravvalutata, di un autore che vuole dare una versione personale dell'opera, ma chi pecca troppo di originalità, non la raggiunge fino in fondo, un autore deve esprimere il suo punto di vista, non deve riscrivere la storia.




Commenti

  1. A me è piaciuto veramente tanto, per quella sua aria kitschissima, il finale bolliwoodiano e la divertente performance di Julia Roberts.
    Una supercazzola, sicuramente, ma almeno non si prende sul serio!

    RispondiElimina
  2. per me julia roberts invece è stata strepitosa ed è l'unica cosa davvero riuscita.
    tarsem come regista mi fa sempre più pena...

    RispondiElimina
  3. A me è piaciuto, mi sono divertita. E Julia Roberts m'è garbata in un ruolo insolito! Comunque ne ho parlato qui

    RispondiElimina
  4. grazie Melinda, verrò a dare il mio parere, si è un film cazzuto, Julia Roberts è sempre brava, ma come strega cattiva è poco credibile mi dispiace, ovviamente è un parere, ognuno può condividere o meno eh? XD

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.