Passa ai contenuti principali

Vanishing on 7th Street

Avendo già letto diverse recensioni che lo stroncavano, io non ci ho voluto credere più di tanto, e ho voluto vedere il film nonostante tutto, e devo dire che le recensioni che ho letto, avevano ragione, Vanishing on 7th street, all'inizio promette bene, per poi perdersi dentro un bicchiere d'acqua, ma io dico perchè scrivere film che hannno un buon potenziale e non svilupparlo come si deve?
Da questa domanda capisco varie cose, anche il motivo per cui il cinema di genere oggi è agonizzante, il fatto è che si fanno troppi film, e quando si fanno troppi film, non c'è l'ispirazione oggi tutti dirigono un film horror, ma sono in pochi a saperlo fare attualmente, Brad Anderson, di cui parleremo in futuro con un altro film, questa volta migliore L'uomo senza sonno, che ho visto e intendo rispolverarlo al più presto, perchè quel film è un piccolo gioiellino a confronto e che vi consiglio di guardare se non l'avete fatto, qui ha per le mani un soggetto che cerca di plasmare ma che non riesce a sviluppare del tutto, la storia è verosimile, durante una proiezione cinematografica, la gente sparisce, come se il mondo fosse finito, gli unici che rimangono sulla terra sono coloro che stanno alla luce di una lampada fino a quando l'energia scompare e scompaiono loro, lasciando solo i vestiti, e poi? Poi c'è il buio assoluto, e l'incapacità di Anderson di andare affondo alla storia, e di plasmare con abilità cosa realmente sta succedendo.
Vanishing è un film non riuscito anche perchè Anderson non sa che direzione prendere, ed è incapace di far provare emozioni al pubblico, è un film statico, che si muove tra buio e luce, senza mostrare il menchè minimo brivido di paura nello spettatore, il chè è uno svantaggio, perchè mostra parecchi difetti nella sceneggiatura, la fotografia invece è molto bella ed è una delle cose migliori del film, ma per il resto è un opera che si può facilmente perdere, dato che non aggiunge nulla di nuovo.
In conclusione, un film che rasenta la noia, un operazione non riuscita, ma che poteva essere sviluppata in modo totalmente diverso, e magari il film ne avrebbe guadagnato un po'.
Peccato.




Commenti

  1. mi sa che lo evito, grazie del consiglio:)

    RispondiElimina
  2. Si, premessa buona senza sviluppo. Parte bene e l'idea abb originale ma scivola via senza lasciare traccia.
    ps L'uomo senza sonno è veramente strabello
    ps Secondo me andava bene anche fabrica con una b come titolo, rendeva unico il blog, quindi non ti crucciare se non trovi indirizzo con due b
    Ciao
    Cinepolis
    http://dino-freezone.blogspot.it/

    RispondiElimina
  3. No non mi cruccio tranquillo, il link non è cambiato, ho cambiato solo il titolo :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.