Passa ai contenuti principali

Manhunter - Frammenti di un omicidio

Questo è un film apparte, e come tale va preso, uscito ancora prima del fenomeno causato dal Franchise dedicato al dottor Lecter cominciato con il capolavoro Il Silenzio degli innocenti di Jonathan Demme, è un film che pur distanziandosi dal romanzo di Thomas Harris, da cui è stato tratto anche un Remake molto fedele al romanzo, Mann, più che concentrarsi sui protagonisti come succede nel remake, si concentra sull'aspetto poliziesco della storia, ed esprime la sua visione personale, facendone un robusto Thriller, da non immischiare con la saga Lecteriana, perchè prima di tutto non è il primo capitolo, quello semmai avviene con il film di Demme per poi finire con Le origini del male come vedremo in seguito.
Film all'epoca molto sottovalutato, ancora non era tempo per fare di Lecter l'icona cinematografica che poi è diventata, è un robusto Thriller  ad alta tensione che riesce con particolari scene ad incastrarsi nell'attenzione, e come tutte le cose sottovalutate prima o poi tornano sempre a galla, e diciamocelo, forse per questo il film è riuscito, perchè si distanzia dalla saga cinematografica, facendone un piccolo ma grande capolavoro, si nota il talento di Mann per le storie ad alta tensione, e l'equilibrio che riesce a sostenere con la trama, che ne fanno una pellicola per collezionisti, un film da recuperare, perchè è fresco, grezzo, molto alla lontana dalla saga, per questo è pieno di ispirazione, e con un cast di attori straordinario, che va da Brian Cox (nel ruolo di Lecter, che in questo film chiamano Lector) a William Petersen, a Joan Allen, ovvero la ragazza cieca.
Brian Cox è strepitoso nel ruolo di Lector, basta soltanto lui per guardare il  film anche se sottolineo preferisco di gran lunga Hopkins, più mefistofelico nell'interpretare Hannibal, si parla ovviamente di gusti personali, ma Manhunter è un film da collezionare per tanti motivi, primo perchè è un robusto Thriller, di quelli come non se ne fanno più, poi la regia di Mann è precisa, netta, di una persona che sa cosa vuole raccontare e soprattutto come lo vuole raccontare, sa il fatto suo e lo si nota, si vuole distanziare dal romanzo esprimendo il suo punto di vista, lasciando liberi gli attori di esprimersi, e questo secondo me è il grande pregio del film, poi è un pezzo unico, chi ha seguito le gesta di Lecter, non può perderselo assolutamente, anche se è distante dalla saga, quindi è un pezzo da collezione.
William Graham deve cercare di acciuffare un killer che uccide e lascia degli specchi negli occhi, l'unico che può aiutarlo nella vicenda è il dottor Lector, che un tempo lo ha assalito e portato in fin di vita, dovrà scontrarsi con i suoi fantasmi del passato ed entrare nella mente dell'assassino per comprenderlo ed affidarlo alla giustizia, anche se rischia di entrare in simbiosi con lui.
DA COLLEZZIONARE






Commenti

  1. che dire? và, copio bradipo.
    Bello, bello, bello!
    :D

    RispondiElimina
  2. Non posso che condividere. Mann, a mio parere, è tuttora il più grande regista vivente (ex-aequo con Eastwood). Questo è un film straordinario, grezzo, durissimo, affascinante. Nessuno come lui riesce a rendere indimenticabili storie laceranti come 'Manhunter'. Il confronto con il film di Demme non si può fare, sono due punti di vista completamente diversi. Ma entrambi capolavori.

    RispondiElimina
  3. concordo poi per me Mann e Eastwood sono imbattibili ed essendo una grande estimatrice viscerale di Eastwood te lo confermo, Mann è un autore interessante, ho visto heat la sfida e collateral, due film al cardiopalma, in heat poi ci sono due grandi attori, De Niro e Pacino INSIEME...e con questo dico tutto hehehe ^^

    RispondiElimina
  4. Capolavoro senza se e senza ma!
    Un thriller fondamentale del grande Mann, regista straordinario.
    Ciao!

    RispondiElimina
  5. ciao vincent, si concordo è un capolavoro ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Liebster Award 2017

Innanzitutto mi scuso per il ritardo...di parecchi mesi.
Siccome non sono ipocrita ho deciso di premiare alcuni blog che ritengo amici, diciamo a quelli che secondo me meritano più attenzione.
Rintrazio S O L A R I S e anche Pietro Saba World che ringrazio di cuore, dunque le regole

1) Ringraziare e Rispondere alle 11 domande di chi ti ha premiato
2) Premiare gli 11 blogger meritevoli che non raggiungono i 200 followers
3) comunicare la vincita agli altri bloggers premiati
4)  Proporre ai premiati altre 11 domande

Ok alloooora, rispondo alle domande di Solaris
1 - Netflix e lo streaming (Legale) fanno bene o male al cinema?
Io dico che semplicemente sostituiranno la sala cinematografica, purtroppo le nuove tecnologie metteranno al bando i vecchi cinema, io spero vivamente di no...ma la realtà dei fatti purtroppo è questa :(
2- Mentre state vedendo un film al cinema fate silenzio assoluto oppure fate commenti con il vicino di poltrona?
Il silenzio è la regola principale, nessuno mi deve dis…

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.