Passa ai contenuti principali

Sex List - Omicidio a tre

E' un film patinato, io direi fin troppo, che ha nella narrazzione uno dei suoi difetti maggiori, ma è coaudiuvato da una regia fin troppo impeccabile, che impedisce la caratterizzazione dei personaggi, con la trama, e anche con il centro della storia, che dovrebbe essere peccaminosa, ecco, ci vorrebbe quel po' di pepe in più a renderla appetitosa, bene tutto questo con Sex List omicidio a tre non succede, nonostante la bravura dei protagonisti, soprattutto McGregor, che offre un interpretazione misurata e da al suo personaggio quella caparbietà di colui che è stato preso per fesso ma sa uscire le palle al momento giusto, anche se Langenegger si concentra di più a dare stile al film piuttosto che concentrarsi sulla trama e sviluppare qualche piccolo colpo di scena in più.
Così facendo il film si riduce a un banale spot pubblicitario, con attori privi di charme, a parte McGregor, che sembrano pupazzi mossi da un burattinaio, all'inizio il film parte bene per poi sbandare verso strade che ne appesantiscono lo sviluppo riducendolo in un film che non rispetta le regole del thriller ma le banalizza, peccato perchè la trama se fosse stata sviluppata bene, aveva tutte le carte in regola per essere vincente, un pizzico di trasgressione in più, giocare con i colpi di scena nel momento giusto, e sarebbe stato un prodotto appetitosissimo, per palati a cui piacciono le trame piccanti, il film racconta di un timido impiegato Jonathan McQuarrie, (McGregor) che incontra per caso Wyatt Bose, e scopre l'universo peccaminoso delle sex list, in una di queste incontra una ragaza bionda, ma qui ci sta la fregatura, non appena la ragazza sparisce viene coinvolto in un intrigo più grande di lui, e tramite ricatto di Bose, deve prelevare un ingente somma di denaro per liberare la ragazza, peccato che la ragazza e Bose in realtà sono complici...o forse no? Con una trama del genere un regista più preparato avrebbe fatto faville, ora mi chiederete vale la pena di vederlo? Direi di si, ma soltanto per la recitazione sopra le righe di McGregor, che soprattutto nel finale mostra di non essere il fesso che crediamo all'inizio, anche se il film è piuttosto prevedibile, poco importa.
Che sia un opera prima lo si nota, anche se non è un film di molta ispirazione e patinatissimo Langenegger deve ancora maturare e capire che un film ha bisogno di respirare e soprattutto di anima per avere una identificazione col pubblico, e cosa più importante la narrazzione, senza la quale, anche un opera che sulla carta risulta interessante si riduce in un noioso filmetto senza mordente.



Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.