Passa ai contenuti principali

Riso Amaro

Ecco un capolavoro del neorealismo, una boccata d'aria con dei film grandiosi ogni tanto ci vuole, ed è proprio il caso di Riso Amaro, diretto da Giuseppe De Santis e interpretato da tre grandi attori, Silvana Mangano, Vittorio Gassman e Raf Vallone.
La scena si svolge  a Vercelli, nella stagione delle mondine, all'inizio Walter e Francesca, sono una coppia che ha appena rubato una collana, e per sfuggire all'attenzione della polizia, entrano nel treno delle mondine, in cui entra Francesca sottobanco, per tenere a sicuro la collana la nasconde, ma Silvana la trova e la mette al sicuro lei, perchè capisce che c'è qualcosa che non va e vuole vederci chiaro, per questo motivo accusa di crumiraggio Francesca, Il sergente Marco Galli la salva dal linciaggio delle altre mondine e mette pace tra i due fronti, ma Silvana poi si scusa, dicendole che è stanca della vita di Mondina, nel frattempo Francesca si innamora di Marco, e le cose sembrano essersi sistemate, quando Walter ritorna dopo il raccolto del riso, le cose precipitano, Francesca si accorge che in realtà la collana è falsa e che è stata presa in giro da Walter, che è tornato per rubare il riso, nel frattempo circuisce Silvana, che è stata eletta Miss Mondina, ma lui la vuole usare per rubare il riso, sarà Francesca a rivelarle la verità, e sarà per lei fatale, perchè si accorge che tutte le sue speranze sono andate in frantumi, e prenderà una strada che la condurrà a un tragico destino.
Giuseppe De Santis racconta la povertà dell'italia nel dopoguerra, aiutato da uno script incentrato su una popolazione ancora con la speranza di una vita migliore, speranze che cadono in frantumi, anche grazie all'egoismo e alla furfantaggine del personaggio di Walter, magnificamente interpretato da un giovanissimo quanto mefistofelico Vittorio Gassman, ma è il personaggio del sergente, il più onesto di tutti che è il centro del film, una persona normale, con ancora dei sogni, delle speranze, che si trova al centro di un intrigo, che cambierà la sua vita, l'interprete di Marco è il grande Raf Vallone, grande attore che lavorava a quei tempi, la cosa interessante è che De Santis divide il film attraverso queste visioni distinte, due mondi si incontrano quello disonesto di Walter, e quello normale di Marco, che si riflettono negli occhi di Francesca e Silvana le due donne illuse e circuite da Walter che poi le abbandona al loro destino, Marco invece è innamorato segretamente di Silvana, che non riuscirà ad avere, alla fine sarà la donna che si innamora di lui la sua compagna, Francesca, che capendo l'inganno di Walter, diventa una persona onesta e finalmente cresce.
Un film immenso, un capolavoro assoluto, un opera immortale che ha fatto la storia, grandissima anche Silvana Mangano, la mondina che si trova al centro di tutto, e che spera in una vita migliore e rimane vittima di quel furfante di Walter.
CAPOLAVORO.




Commenti

  1. Tutto condivisibile, film grandissimo a dispetto di un'età non più verde. Su una cosa non sono d'accordo: per me questo non è un film neorealista. Molta critica ufficiale lo definisce così ma questo è un film talmente levigato dal punto di vista formale che non lo posso accostare ad opere come Ladri di biciclette Roma città aperta o Roma ore 11 che E' secondo me il vero film neorealista di De Santis. Riso amaro è un melodramma fiammeggiante alla maniera de Il postino suona sempre due volte( alla cui storia si riallaccia il film che convenzionalmente viene indicato come il punto di partenza del neorealismo italiano ovvero Ossessione di Visconti, capolavoro assoluto), ha toni da noir americano e un finale grandguignolesco che non ha nulla a che spartire con il neorealismo. Eppure dalla maggior parte dei critici è considerato neorealista. Scusa se mi sono dilungato, spero di non averti annoiato!

    RispondiElimina
  2. non mi annoi, anzi semmai è il contrario, ecco, vedi una legge a destra e a sinistra e crede che sia neorealista...aaah questi critici ^^ condivido il fatto che ha toni da noir americano, il che è vero, grandissimo Vittorio Gassman :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Gruppo whattsapp della fabbrica dei sogni? E perchè no?

L'idea mi è venuta parlando con un amico fan di twin peaks, in cui aspetto di entrare nel gruppo whattsapp...mi sono chiesta sarebbe carino incontrare su whattsapp tutti gli amici blogger, Ford, il Cannibale, Miki Moz, Bollicina, Kelvin, Lisa Costa e via dicendo se siete daccordo inviatemi o una email, all'indirizzo lafabricadeisogni@gmail.com, oppure un mex su faccialibro, sarebbe una cosa grandiosa chattare con tutti gli amici e farci anche quattro risate in proposito, se ci state fate un fischio che vi aggiungo ok?

Visioni in diretta - Ash vs Evil Dead

Si comincia con un videomessaggio, per poi continuare con quello che sto vedendo, l'episodio comincia con il riepilogo della puntata precedente, per poi continuare con il viaggio in macchina di Ash e un ragazzo che scappano dai non morti...vediamo che succede

In questa puntata Ash è proprio come dice il titolo dell'episodio un esca, e deve confrontarsi con una mamma non morta...l'episodio 2 sta per finire, vi dico solo che mi sono divertita un mondo a guardarlo, perchè oltre ad essere splatter  ha una trama che ti cattura...puro horror al 100%

Aggiornamento 12 Ottobre
E' cominciato l'episodio 3, con una donna che ha disseppellito il padre di Kelly per sapere dove si trova Ash, questi invece cerca un esperto per eliminare l'incantesimo e vengono sentiti dalla donna che ha disseppellito suo padre.
Una poliziotta si mette sulle tracce di Ash e cerca di arrestarlo, ma Pablo le da un colpo di femore che le fa perdere i sensi, ora sono arrivata al punto che la poliz…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Visioni in diretta - Tanto per cominciare...Glow

Nasce la nuova rubrica della fabbrica dei sogni, sulle visioni in diretta, ovvero mentre guardo un film, una serie tv, commenterò il tutto in diretta nel blog...
E questa cosa amici è una novità nella blogosfera, e nasce proprio alla fabbrica dei sogni, quindi è un innovazione, che senza dubbio non è roba da poco, spero di fare quotidianamente grandi cose in proposito.
Intanto sto guardando Glow prima stagione episodio 4, tra poco comincio l'episodio 5.
Allora Glow è una serie tv carinissima di netflix, e la prima stagione ha fatto parlare molto bene in giro tra i siti e blog, il quarto episodio mi sta piacendo molto, specie la parte della ragazza che si confronta col padre wrestler, e soprattutto sul mondo maschilista che ci sta dietro.
Persino il regista si è beccato un ceffone...poveraccio!!!
Comnque ora proseguo con la visione, ci vediamo dopo con la fine dell'episodio 4 e l'inizio dell'episodio 5...ovviamente aggiornerò il post con gli ultimi commenti...a dopo am…