Passa ai contenuti principali

Aldilà della vita

Quando Nicolas Cage ha vinto l'oscar, subito molti autori lo hanno voluto per i loro film, alcuni erano blockbuster, altri grandi film, ma erano gli anni novanta, anni in cui un attore se aveva fotruna, dopo la vittoria agli oscar, riusciva a costruirsi una carriera nonostante tutto, con Cage si è per qualche anno dopo la vittoria agli oscar, sperato moltissimo, anche grazie alla partecipazione a numerosi film di qualità, ora diciamo il Nicolas Cage che ho conosciuto ed apprezzato allora non esiste più, campa grazie al nome che porta, recitando in filmetti di bassa qualità, fatti per incassare al botteghino, ma andiamo al dunque, qui c'è il Nicolas Cage che apprezzo, anche grazie al genio e alla bravura di Martin Scorsese che gli ha regalato il suo ruolo più bello e anche il più disperato, Aldilà della vita ricorda molto la New York malsana e perversa di Taxi Driver, non a caso il film l'ha scritto proprio Paul Schrader, già autore del film citato prima, ed è incentrato su un gruppo di paramedici, in tre notti a New York.
Nicolas Cage interpreta Frank Pierce, un paramedico con il senso di colpa per non essere riuscito a salvare una ragazzina per strada, è un dolore che si porta dentro, e che rispecchia in tutte le vite che lui cerca di salvare, ma che ahimè da un po' di tempo non riesce a farlo, è un uomo solo, insonne, che non ha prospettive per il futuro, e chiede sempre al suo capo un licenziamento che non gli da mai, ma in mezzo a questa solitudine incontra Mary Burke (Patricia Arquette) che ha il padre in coma all'ospedale dove lavora Frank, con cui lui stabilisce un rapporto d'amicizia e forse qualcosa in più Scorsese però si concentra anche sulle altre persone  è l'umanità assolata che Scorsese racconta con la precisione di un chirurgo in questo film, disperata, confusa, pazza, drogata, come se urlasse al mondo che siamo dentro tutti un calderone, non è la vita questa, questo è l'inferno, l'inferno di una umanità persa per strada, che si buca, abbandonata, disperata, è questa New York che Scorsese racconta, senza particolari giudizi, lasciando che sia lo spettatore a conoscerli a fondo e a comprenderli, poi tra questi esseri umani abbandonati ci sono i paramedici, che anche loro hanno i loro problemi, le loro solitudini, non manca una rappresentazione della vita per come appare, e sicuramente Schrader e Scorsese hanno visitato dei paramedici per poter scrivere e dirigere il film.
Scorsese è ispiratissimo e ci regala un opera tra le più sincere e realistiche dirette fin dai tempi dagli anni settanta, per un momento è capace di andare affondo e di tornare l'autore che si è rivelato al grande pubblico con Taxi Driver vincendo la palma d'oro a Cannes, forse Aldilà della vita è un film sottovalutato, ma sicuramente avrà trovato nuova linfa vitale tra gli estimatori di Scorsese e tutti gli appassionati di cinema che si rispettano, la valutazione del film è questa, c'è poco da fare, è un piccolo capolavoro, in cui gli attori e il regista si contendono la scena, ma che alla fine rientrano perfettamente in gioco per un opera che merita davvero di essere riscoperta e collezionata.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.


Commenti

  1. Uno dei film forse meno conosciuti di Scorsese, ma sicuramente tra i più belli.
    Cage è perfetto per il ruolo.
    Non lo vedo da parecchio tempo, ma conto di recuperarlo a breve.

    RispondiElimina
  2. grandissimo film, lessi pure il libro!
    attori forti, bravi bravi, sia John Goodman sia la Arquette che il Cage.
    Scorsese immenso.

    RispondiElimina
  3. Anche per me è un film immenso, nonostante Cage che detesto assai cordialmente!

    RispondiElimina
  4. uno dei migliori film di Scorsese senza dubbio :) Cage è ormai l'ombra dell'attore che ho apprezzato, peccato :(

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…