Passa ai contenuti principali

Green Zone

Dall'autore della saga di Jason Bourne, ecco un film che parla dell'assurda guerra in Iraq per eliminare le armi di distruzione di massa e della bugia che gli stati uniti hanno diffuso prima nel corpo militare e poi nel mondo, un atto d'accusa contro le istituzioni, e soprattutto contro le informazioni date alla leggera come scusa per fare la guerra, quello che stiamo analizzando stasera è un grande film d'azione, interpretato da Matt Damon, che diciamo è l'eroe del film, Roy Miller e si tratterà di un marine che con la sua squadra cerca queste armi di distruzione di massa una volta conquistata Bagdad ma non le trova da nessuna parte, allora grazie ad una soffiata decide di indagare piuttosto che farsi gli affari suoi come fanno gli altri, e salva un generale che se lo trovano i suoi possono ucciderlo, sbroglierà la complicata matassa che nasconde segreti e bugie su una guerra fin troppo tollerata.
Ci sono legami che vanno aldilà della sua conoscenza, complotti, che hanno scatenato una guerra ingiustificata, e Roy scoprirà che una giornalista conosce il complotto e grazie a lei all'ultimo scoprirà chi è il responsabile, e si immagina quale sarà la sua fine.
Paul Greengrass non rinuncia al cinema di denuncia, e nemmeno al cinema d'azione, parlando di un fatto che ha scosso e cambiato il mondo, e che tutt'ora fa discutere, ma lui spinge di più il dito nella piaga, e non fa il classico film di propaganda, anzi, fa il contrario, fa il film di guerra, ma che ha anche gli ingredienti del film d'azione e di denuncia, e direi che come film non è affatto male, una regia che non perde di vista i suoi protagonisti, lasciandoli esprimere, facendo in modo che lo spettatore scopra  la verità di cosa è accaduto in Iraq, e non sono tutti i film così, di solito parlano per virtù del regista, ma questo qui parla e si lascia sia guardare che ascoltare, è un film diretto che riesce a catturare l'attenzione dello spettatore dall'inizio alla fine, non finisci di staccare fino alla fine, e rimani incollato alla poltrona, ma cosa vogliamo chiedere di più a un regista? E già questo è un presupposto per collezionare questo film, di solito i film del genere si dilungano troppo rasentando la noia, non succede con questo film, anzi è il contrario, tutti gli indizi, sono sapientemente sparsi nel film, ma hanno una loro precisa logica, che verrà fuori solo alla fine del film, è come se Greengrass si divertisse in cucina a fare una ricetta nuova, e piano piano mette tutti gli indizi/ingredienti esattamente quando è il momento giusto, bellissime le scene d'azione che danno alta tensione al film acchiappando lo spettatore e trascinandolo dentro il film.
DA NON PERDERE





Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.