Passa ai contenuti principali

Il libro di Maria - Je Vous Salue Marie

Jean-Luc Godard, dirige con la sua compagna due film che sono correlati tra loro, ma che trattano diversi temi, il primo, parla della visione di una bambina sul divorzio dei suoi genitori, e di come cerca di conviverci insieme pur non accettando la situazione, è un film delicato, che tratta quasi con pudore un tema delicato come la famiglia che si trasforma, alla fine capiamo anche che la madre ha un nuovo compagno, il secondo, è la visione contemporanea della natività divina, c'è una Maria, un Giuseppe, sono giovani, lei entra incinta non avendo mai avuto rapporti sessuali, è una visione fortissima sulla maternità e sul mistero della vita, così come viene esposto nella religione, Godard non si fa da giudice, e il film è diretto talmente bene, riuscendo a carpire i personaggi nell'immaginario dello spettatore, come un orchestrale quando suona la sua sinfonia preferita.
L'aspetto religioso viene enfatizzato, e lo rende carico di significati allegorici, sulla vita, sul senso di Dio, sul miracolo che avviene dentro la donna, e non lo ambienta ai tempi passati, ma l'era contemporanea ne accentua maggiormente il significato, in un era di confusione, di tristezza, di morte, ecco che una giovane donna per volontà divina o come direbbero per miracolo esce incinta, pur con mille sospetti, gelosie, Giuseppe, segue il suo destino, di stare accanto a Maria, e qui si scontrano tante cose, come il significato della vita e dell'amore, il dubbio, il cammino da percorrere, e tante altre cose, Godard, ormai ha la maturità di parlare a cuore aperto di ciò che lo colpisce sempre più, questa è una prova, che sia Marie che Giuseppe devono affrontare in prima persona, perchè è un miracolo, la cosa più importante è seguire il cammino  che è stato predisposto per noi, prendendo la strada dove ci portano gli angeli, il messaggio è chiaro, c'è l'invito al silenzio, ad ascoltare la voce di Dio, che molto spesso non viene ascoltata, ci sono i miracoli, in cui la gente non crede più, c'è la vita che sta per nascere, e c'è soprattutto un mondo, che è incapace ormai di osservare e di ascoltare la voce di Dio.
Un film poetico e filosofico, che non lascia dubbi sulle cose fondamentali della vita, sui miracoli, e soprattutto sul'amore.
DA NON PERDERE.



Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.