Passa ai contenuti principali

Into The Wild

Non è la prima volta che vedo Into The Wild, e a questa seconda volta, che ho potuto gustarne l'essenza maggiormente, come se mi fossi guardata dentro uno specchio con riflesso il resto della mia esistenza, forse perchè attraversando un periodo particolare nella mia vita fatto di cambiamenti e di una piccola rinascita.
Into The Wild, diretto da Sean Penn, è tratto da una storia vera, la storia di un giovane che lascia tutto, per vivere in mezzo alla natura, in maniera libera, senza legami, senza costrizioni, ha scelto di lasciare una vita materialistica, fatta di automobili nuove, che sostituiscono quelle vecchie, di genitori che non si guardano negli occhi nascondendoti una realtà per una vita fasulla, di segreti che vengono a galla, una vita fasulla, senza ormai linfa vitale, legata soprattutto a cose frivole, di genitori che hanno smesso di amarsi e che si sopportano appena, Christopher McCandless, è un giovane appena laureato, che vedendo le prospettive materialistiche e consumistiche della società capitalista, nella quale non si riconosce,  del suo futuro le rifiuta aspramente, e sceglie di sparire dal mondo cosidetto civile, per vivere la vita, ma la vera vita, in maniera semplice, con amore e compassione verso il prossimo, e nella sua strada incrocia varie persone a cui cambierà la vita, una coppia di hippies, una cantante, e un anziano scontroso, a cui ben presto resterà contagiato dalla voglia di vivere di Christopher, da tutti conosciuto come Alexander Supertramp, lo pseudonimo che usa per non farsi riconoscere e restare fedele ai suoi ideali, questo signore seguirà i suoi suggerimenti e compirà un viaggio anche lui con un suo camper, la vita è un viaggio che deve essere vissuto in pieno, guardare il prossimo tuo, e conoscere i valori dell'altruismo e della compassione è la più grande impresa che questo giovane compie, molti lo prenderebbero per matto, rinunciare a una bella casa, a un lavoro, a una famiglia, insomma a tutte quelle cose che normalmente la gente costruisce per farsi una vita, e invece non è così, perchè Christopher ha scelto di vivere la vita vera, ha scelto di prendere quello che voleva, non a caso alla ragazza che si prende una cotta per lui le dice, se vuoi qualcosa, datti da fare  e prenditela, è questa è la realtà della vita, ma in quanti hanno il coraggio di viverla davvero la vita? Molti si nascondono dietro il benessere, dietro il consumismo, e non fanno che consumare se stessi, rinunciando a guardare dentro se stessi, a ciò che vogliono veramente, un grandissimo film diretto da un regista che sa, in maniera sensibile riuscendo a carpirne il succo della vita e l'essenza di chi sceglie di vivere in assoluta libertà la propria vita, e quel senso di libertà non ti abbandona mai dall'inizio alla fine del film, Into the wild è un film che fa riflettere sui veri valori della vita, che è una sola, e non bisogna limitarsi a starsene col culo piantato davanti a una tv, bisogna assaporarne il midollo, cercare la felicità e condividerla con gli altri, essere altruisti con il prossimo.
Emile Hirsch è straordinario, e offre un interpretazione intensa e realistica, anche gli altri attori, specialmente coloro che interpretano i genitori, esprimono la corrosione del loro animo, mentre tutti gli altri regalano momenti magici.
Sean Penn dirige un film che in un certo senso mi ha cambiato la vita, in meglio, infatti sin dalla prima volta che l'ho visto l'ho messo già tra i film della mia vita,  è inutile dire che soltanto un attore scontroso, e polemico verso la società americana poteva dirigere questo film e insegnare al mondo i valori veri della vita e Sean Penn c'è riuscito alla grande.
Tratto dal romanzo Nelle terre estreme di John Krakauer, che narra la vera storia di Christopher McCandless e uscito dopo la sua morte.
Un film che fa riflettere, che emoziona, e che ti fa gustare il senso della vita.
CAPOLAVORO.




Commenti

  1. Anche per me un capolavoro! le immagini con il vero protagonista farebbero uscire lacrime anche a una pietra!

    RispondiElimina
  2. hai ragione, si è un film molto commovente :)

    RispondiElimina
  3. Semplicemente il mio film preferito. :) Il solo a essere già a quota 4 visioni (di solito io mi fermo alla prima, fai un pochino tu i conti. XD)

    Ciao,
    Gianluca

    RispondiElimina
  4. Hai ragione Marco, beh questa è la mia seconda visione, ma ti assicuro che ce ne saranno tante Gianluca ^^

    RispondiElimina
  5. avevo letto prima il libro, mi era piaciuto moltissomo, poi è apparso il film, bello e terribile.

    ricordo le ultime parole di Chris McCandless: "La felicità è reale solo quand'è condivisa"

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.