Passa ai contenuti principali

L'altra faccia del diavolo

No ragazzi è una mia impressione o abbiamo toccato il punto più basso del cinema di genere? Che senso ha riproporre in più di dieci anni un genere che ormai è superato come qualcosa di innovativo da ripetere, ancora, ancora e ancora? No eh? Non ci siamo, le repliche di docuhorror ormai non fanno più centro, anzi fanno acqua da tutte le parti, e se qualcuno leggesse questa recensione forse li metterebbe DEFINITIVAMENTE da parte concentrandosi su cose più sostanziose, questo genere andava bene con The Blair Witch Project che presentava una novità, ora invece lo fanno tutti, ma che senso ha? Sembrano documentari tutti uguali su scene impressionabili che non fanno presa su un pubblico ormai saturo di filmetti o pseudofilmetti vari, che nulla hanno a che fare con l'horror vero e proprio, il fatto è che oggi gli horror non li sa fare più nessuno, che sia un genere in crisi è una cosa ormai risaputa, e che ci vogliono nuovi  talenti, nuove innovazioni, nuovi colpi di genio, forse solo i grandi maestri come Carpenter ci riescono ancora in pieno, quelli che non sanno fare gli horror si limitano a creare film sensazionalistici, o metterci attorucoli famosi per aver interpretato saghe fantasy, ma che non sanno imprimere bene l'anima dei personaggi come abbiamo visto di recente, ma parliamo di questo l'altra faccia del diavolo, si perchè è proprio questo il film che sto per analizzare, che sia un film sensazionalistico lo si nota dalle scritte del manifesto, e già mi avevano fatto storcere il naso, ispirato a fatti realmente accaduti, il film che il vaticano non vorrebbe mai che tu vedessi, nonostante ciò ci sono ricaduta un altra volta, e ho visto questa ciofeca, perchè di ciofeca si parla, non si parla mica di un film horror come lo definisco io eh? Durante la visione ho avuto la sensazione di una colossale presa per il culo, scene impressionabili a gogo, e altre cavolate varie, il tutto si concentra su una ragazza che deve capire il perchè sua madre è ricoverata nel reparto psichiatrico dell'ospedale del vaticano e presenta i classici sintomi di chi è posseduto? Cosa si nasconde? In un tripudio di scene raccapriccianti senza nè capo e nè coda, incapace di analizzare affondo le motivazioni e i perchè dei protagonisti e capire cosa si nasconde dietro, che si tratta di una presa per il culo lo si capisce dalla assoluta pochezza di motivazioni che il regista imbastisce nella trama per mettere paura, ma sono sicura che anche il diavolo in persona si piscia sotto dalle risate se gli fai vedere sto filmetto insulso, i tempi di Rosemary's baby sono andati via, i tempi de L'esorcista sono ormai lontani, ora è tutta un uscita di pellicole superficiali, incapace di terrorizzare, la maggioranza fanno solo ridere, non sono capaci di mettere brividi di terrore, di farti saltare dalla sedia, sono noiose, ripetitive, piene di titoloni sensazionalistici che danno l'illusione di vedere chissà che cosa, ma poi a conti fatti sono tutte uguali...questo signori miei non è cinema, perchè in effetti queste pellicole sono un po' come i cinepanettoni, visto uno ti basta e avanza, riusciremo a vedere un horror degno di definirsi horror?
La speranza è l'ultima a morire...
DA EVITARE ASSOLUTAMENTE


Commenti

  1. Come sai, anche io l'ho trovato uno dei film peggiori passati in sala quest'anno.
    L'unica cosa a suo "favore" è stata che me l'aspettavo. :)

    RispondiElimina
  2. anche io me l'aspettavo, ormai mi sono abituata a questi documentari sensazionalistici che fanno + ridere che spaventare, mi sa che ora li relego vicino ai cinepanettoni, sono tutti uguali hahaha

    RispondiElimina
  3. Si questo film ha fatto toccare il fondo al genere horror, sottocategoria mockumentary:)Io gli diedi un 3 come voto...

    RispondiElimina
  4. Io mi chiedo ancora perchè riprendere sempre sti mocumentary, perchè fare cinema che somiglia più a un reality invece di concentrarsi di seguire le classiche regole dei film di genere che di solito sono sempre vincenti? Non succede mai, e ogni volta ti guardi queste ciofeche, e ci metto anche paranormal activity che fanno più ridere che spaventare...l'horror è un altra cosa...

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.