Passa ai contenuti principali

La Stagione della Strega

La stagione della strega è uno dei primi film di Romero, dalla trama piuttosto lineare, ma che risulta piuttosto datato, girato subito dopo La notte dei morti viventi è un film a parte, che si allontana dalla saga con cui è diventato famoso, ripercorrendo il tema della stregoneria, ma  è un film poco sviluppato, superficiale, in cui la protagonista appare piuttosto inespressiva.
Non è di certo il miglior film di Romero, e neanche uno di quei cult con cui lo abbiamo conosciuto, forse ha voluto staccare per un attimo per presentare qualcosa di diverso, dimenticando l'aspetto femminista della storia e non sviluppando l'emancipazione, anche per questo il film appare piuttosto superficiale nell'impostazione, in questo film Romero dimostra che nonostante le pecche sta cercando una sua precisa identità di autore, è una prova, seppur non riuscita del tutto presenta alcuni spunti interessanti, precise e inquietanti le scene degli incubi, che restano la cosa migliore del film, che in pratica lo salvano dal completo disastro e la psicologia deviata della protagonista, imprigionata in una vita che non sente sua, cerca di uscirne entrando in un club di signore rassicuranti solo nell'aspetto, perchè a conti fatti è meglio darsela a gambe, diventa una strega, accetta di praticare malefici, ma sarà qualcosa in cui non ne uscirà più e le persone che le stanno vicino come il marito e la figlia ne pagheranno il prezzo maggiore, tutto questo non fermerà di certo la protagonista, ormai decisa a intraprendere la strada della stregoneria, e non la fermerà neanche il giovane ragazzo che lei ha sedotto con cui ha intrecciato una volta diventata strega una relazione extraconiugale, quando prima di tutto ciò lo detestava.
Il film è l'esercizio di un autore che cerca la sua strada, un opera non del tutto riuscita, ma che presenta alcuni tratti riconoscibili del suo cinema, anche se per conoscere il vero Romero bisogna vedere e collezionare la saga dei morti viventi, che resta il suo marchio di fabbrica più riuscito.
Narrare gli zombies è una cosa, narrare una storia di stregoneria è un altra cosa, ben più complessa e articolata, soprattutto quando tratta temi come la stregoneria, in cui Romero  non crede molto e lo si nota e l'emancipazione che ne consegue.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.