Passa ai contenuti principali

War Horse

Spielberg fa uscire un nuovo film dopo Le avventure di Tin Tin e il segreto dell'unicorno che a differenza del precedente sembra una storia costruita e impacchettata per i membri dell'academy, non manca nulla, ormai sappiamo dell'abilità di Spielberg di girare film anche commoventi, e in parte questo non è male come film, c'è il coraggio, c'è  la storia di un amicizia che va oltre i confini, c'è commozzione fino alle lacrime, c'è insomma l'armamentario per farne un film ottimo già sulla carta, ma come si dice, il troppo storpia, quello che intendo io, è che il film pur avendo le carte in regola per diventare un film appetitoso, alla luce dei fatti appetitoso non lo è, è tutto già stabilito, preconfezionato, non c'è provocazione, non so se è  un film fatto per procura, ma zio Steve lasciatemelo dire, ha fatto di meglio, poteva risparmiarci di certo questo filmetto melenso, e magari occuparsi di un progetto meno ambizioso ma più consistente, che avrebbe guadagnato parecchi punti in qualità, non credo che abbia bisogno di soldi quindi, l'ambizione certe volte gioca brutti scherzi, e bisogna capire quando il gioco vale la candela.
Aspettate, ricapitoliamo, come ho detto prima il film non è male, non è tutto da buttare, dai non sono così cattiva, quello che intendo c'è poca ispirazione nel film, il che lo penalizza molto, perchè sulla carta poteva benissimo essere un film migliore, ma forse zio Steve si lascia prendere la mano, avvolte capita  a tutti i grandi e ora è capitato a lui, il film è una storia epica, ma risulta un americanata stantia e senza anima, c'è troppo cuore, il che la rende un americanata fine a se stessa, eppure con la sua esperienza dovrebbe sapere come fare un piccolo ma grande film, e il suo curriculum lo dimostra, lo zio Steve non si può permettere polpettoni, quelli semmai me li aspetto da un talento minore come Michael Bay, ma da lui mi aspetto un grande film, e questo più che un grande film è un polpettone vero e proprio, girato e costruito per impacchettarlo apposta alla notte degli oscar, ebbene mi dispiace dirlo non è il miglior film di Spielberg, ma nemmeno il peggiore, ci sono parecchi pregi, la storia anche se il film è e resta un americanata è accattivante, e coinvolgente, grazie allo script intenso, ma la regia di Spielberg è stanca e svogliata e lo si nota, il film poteva essere migliore, se magari avesse osato di più, ma si sa, certe volte è meglio puntare sul sicuro che azzardare, da zio Steve io mi aspetto altro.


Commenti

  1. stava galoppando velocemente verso il mio schermo ma letta la tua recensione credo che per un po' lo rimetto in stalla...

    RispondiElimina
  2. si non è granchè come film, zio Steve ha fatto di meglio ^_^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.