Passa ai contenuti principali

Quasi Amici

Nuovo cinema francese, ecco un altra pellicola che fa discutere e che conquista, una pellicola che è la più vista di sempre in francia, tratta da una storia vera e che è anche un esempio di come quando c'è l'ispirazione, bastano poche cose per rendere un film unico, è il caso di Quasi Amici, interpretato da quel simpaticone di François Cluzet, che in questo film merita una menzione speciale, tenetelo d'occhio perchè questo è un grandissimo attore, in questo film interpreta un paraplegico miliardario, che cerca un badante, si presenta un giovane di colore, che non gliene frega niente di essere assunto, è lì solo per prendersi il sussidio di disoccupazione, ma qualcosa scatta nel paraplegico, e nonostante il parere di alcuni amici assume il giovane, che sarà per lui una medicina e una speranza, il giovane riesce a rendergli la vita più sopportabile grazie al suo carattere solare e nasce addirittura un amicizia, perchè questo giovane riesce a comprendere il suo problema, ma non sono solo amici, sono anche complici, bellissimo l'incipt con la corsa e i poliziotti che li fermano, perdendo la prima scommessa, ma ne accenna un altra che la vince, e i poliziotti faranno da scorta, anche se il giovane non ha la patente, poco importa, e come flashforward è eccezzionale, poi inizia il film vero e proprio, con Driss, questo è il nome del giovane che chiede alla ragazza il documento per il sussidio e lui Philippe, non si arrende, vedendo che il ragazzo riesce anche a tenergli testa, anzi se ne sbatte del posto di lavoro, anche se in famiglia ci sono problemi, ma Philippe ha bisogno perchè è tetraplegico, perciò, quel ragazzo gli piace e lo assume, anche se i suoi amici gli dicono che ha problemi con la legge, non si fa impressionare, sa che Driss è la persona giusta per occuparsi di lui e ha ragione.
Tra i due nasce un rapporto di complicità e amicizia, grazie alla capacità del ragazzo di entrare in sintonia con Philippe, che scopre l'abilità di pittore e cerca di farlo conoscere tramite amici, e ci riesce pure a fargli vendere i suoi quadri, queste sono cose che i veri amici fanno.
In sostanza, è un film bellissimo, che non si limita a fare un opera tutta lacrime evitando anche di toccare il favolismo, è schietta, sincera, e riesce a scaldare il cuore grazie all'abilità dei due autori di esprimere la realtà e l'amicizia, riuscendo a imprimere i protagonisti quasi come fossero persone che conosciamo da una vita, un piccolo grande film riuscito benissimo, che riesce a sprizzare umorismo e fa anche riflettere, bravissimi i due interpreti principali, il film va visto principalmente per questi due attori, poi anche per tanti motivi, è un opera che conquista, un esempio di come l'amicizia non ha confini e che può scaldare una vita, anche se è costretta a vivere su una sedia a rotelle.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE




Commenti

  1. Film davvero ottimo, mai melenso e sempre ironico.
    Una delle cose migliori di questo inizio anno.

    RispondiElimina
  2. concordo :) un film davvero molto, ma molto bello, Vive la France ^^ X ora i francesi sfornano piccoli grandi film, ^^

    RispondiElimina
  3. François Cluzet l'ho visto oggi in "Ne le dis à personne" (anche questo DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE), davvero bravissimo.
    in "Quasi amici" il personaggio è del tutto diverso, ma è sempre un grande.

    d'accordo su tutto quello che hai scritto bello del film che non è "politicamente corretto".

    RispondiElimina
  4. e forse è proprio questo il bello ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.