Passa ai contenuti principali

Psycho

Gus Van Sant, rilegge letteralmente il mago del brivido Hitchcock, facendo una copia di Psycho, e inserendo il suo stile cinematografico.
L'opera è impeccabile, lo stile è sofisticato e c'è anche qualche brivido, il cast di attori è di prima qualità nulla da dire, se manca qualcosa è soprattutto la suspance, che hanno fatto dell'opera originale un classico del brivido per amanti del cinema di genere, non è mai facile parlare di remake, perchè un po' si deve tradire l'opera originale per giudicare la visione nuova dell'autore che lo dirige, Gus Van Sant, fa spiccatamente un omaggio al maestro del brivido, ma è incapace di esprimere di impaurire lo spettatore, grazie a una scelta sbagliata a mio modo di dire di fare interpretare Norman Bates, al volto pulito di Vince Vaughn, che nulla ha a che fare con l'inquietudine di Anthony Perkins, che solo a guardarlo negli occhi ti impauriva, immaginate quando lo vedevate in azione, potremmo chiamarlo omaggio? Ci sta tutto, ma non aggiunge niente al capolavoro originale che ha reso Hitchcock un genio del cinema, questo con Van Sant non accade, perchè non aggiunge nulla di nuovo neanche al suo cinema. E' un film narcisista, e come tale deve essere preso, nè più nè  meno, la costruzione della tensione è perfettamente calibrata, ma non è nulla in confronto a quella creata dal grande Alfred Hitchcock, che lasciava mistero e intuizione anche perchè allora c'era la censura vigente e  non si potevano girare certe scene, Van Sant, aggiunge la scena pruriginosa dell'occhio che spia con masturbazione contemporanea di Bates, roba pruriginosa, forse anche per dimostrare al suo pubblico il suo punto di vista, e riscrivere un classico con scene che allora non si potevano girare, fattostà che il grande Alfred la scena della doccia l'ha girata in maniera differente facendo spaventare letteralmente lo spettatore, ciò che non succede qui, in parole semplici, è un film non male, con scene d'alta tensione, ma che omaggia Hitchcock alla sua maniera, ovviamente i paragoni con l'originale si sprecano, Anne Heche, è più anonima rispetto a Janet Leigh, più sexy e anche più femminile, quando mangiano insieme Marion e Norman in questo film sembrano due persone che si conoscono da poco tempo e vogliono fraternizzare mangiando sandwich e noccioline, nell'originale la tensione era palpabile, la paura era dietro l'angolo, in questo c'è un po' di tensione data dalla colonna sonora riproposta da Elfman e dalle ambientazioni e poi basta, in conclusione un film niente male, ma che non ha nulla a che fare con il capolavoro di Hitchcock.


Commenti

  1. io ho molto apprezzato l'operazione perché l'ho sempre considerato più come un'esperimento che come un semplicissimo remake. purtroppo gli manca sempre un qualcosa di non identificabile che gli fa perdere il confronto con l'originale.
    geniale l'inserimento, oltre di piccole "novità" e sotto-testi, anche degli errori che ci sono nella pellicola firmata da Hitch.

    RispondiElimina
  2. si non dubito che sia un omaggio dell'originale, non a caso Van Sant lo ha girato proprio con le stesse scene dell'originale, come film non è male, però l'originale spacca, c'è poco da fare ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.