Passa ai contenuti principali

Twixt

Francis Ford Coppola torna all'horror dopo la rilettura di Bram Stoker's Dracula, ci riprova con questo film originale e sperimentale, che ancora da noi al cinema non è uscito nonostante siano passati ben due anni che è stato girato. Lo vedremo mai? Chi lo sa, eppure questo film è totalmente diverso dalle pellicole che ha girato precedentemente, e potrebbe portare fuori strada chi ammira questo grandissimo genio della settima arte.
Io stessa l'ho trovato anomalo, ma la magia delle pellicole sperimentali sta tutta qui, si un film deve coinvolgere lo spettatore, ma lo deve anche scuotare dico io.
Da grande maestro del cinema qual'è, Coppola conosce bene i rischi che si corrono a girare film diversi da quelli che propone il mercato, eppure la libertà artistica che si respira con questo film è sorprendente.
Girare film sperimentali è un richio, perchè le leggi di mercato sono quelle che sono, ma la cura e la libertà che si respirano in Twixt sono uniche.
Uno scrittore in declino, non riesce più a trovare ispirazione che lo riporti al successo, arriva in una piccola e strana cittadina dove la gente ha paura a causa di una maledizione, nel suo cammino incontra una piccola vampira, sarà lei a dargli la chiave per ritornare al successo?
Il film è tutto da guardare, ha una regia impeccabile e una storia che ti risucchia sullo schermo, se amate i film complessi questo è il titolo che fa per voi, se amate altro vi consiglio di starne alla larga perchè qui non ci sono scene d'azione; è un film narrativo e si deve prendere per quello che è.
Francis Ford Coppola sceglie di narrare le scelte dei protagonisti, avvolte ci sono scene a rilento, a volte anche scene che sembrano essere lì per caso, e non mi sorprende che in un paese come l'italia questo film non sia ancora uscito, abituati come siamo a film di cassetta, un film del genere non incasserebbe...eh si, le dure leggi di mercato non ci permettono di ammirare e portare alla luce i piccoli film, che meriterebbero molta più attenzione di certi cinepanettoni o blockbusteroni senza cuore nè anima...ma il cinema è anche questo, mercato e per chi vuole vedere film del genere deve procurarseli in altro modo.
E' un film ricchissimo di atmosfera a di tensione, palpabile e che si può sentire scena dopo scena, contrariamente a quello che si può pensare non ci sono scene impressionanti, ma colpisce proprio per questa tensione che non ti lascia mai.
In conclusione, un film che merita una visione, anzi diverse visioni a mio parere.
DA COLLEZIONARE
Buona visione.



Commenti

  1. Mai sentito davvero...ma penso mi piacerebbe senz'altro...
    Una cosa alluciante è la"lievitazione" di Van Kilmer....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vuoi sapere una cosa? Non mi è mai piaciuto come attore XD

      Elimina
  2. non del tutto riuscito, però niente male. soprattutto per le affascinanti atmosfere

    RispondiElimina
  3. Per me questo è un film brutto ma così affascinante da avermi incantato. E' magico. Vorrei rivederlo, lo farò, spero lo editino anche da noi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah lo spero anch'io, per me non è brutto brutto, è sperimentale + precisamente è un film particolare, si deve guardare con occhio diverso forse per apprezzarlo e comunque, non è un opera che può piacere alla massa, qui in italia ancora non è uscito...incrociamo le dita comunque non si sa mai :D

      Elimina
  4. A me non era piaciuto particolarmente. Visto al cinema, mi aveva dato fastidio la fase sperimentale di mettere solo qualche pezzo - totalmente inutile, fra l'altro - in 3D, quindi, oltre a seguire l'imbolsito Val Kilmer dovevi anche mettere gli occhiali - togliere gli occhiali - rimettere gli occhiali... E sarà mica vita, eh? :)
    Salvo giusto Elle Fanning.

    RispondiElimina
  5. "Da collezionare" è un'affermazione assolutamente azzeccata. Questo è uno di quei film che vale la pena possedere in DVD. Val Kilmer è immenso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si è vero, ma io adoro Francis Ford Coppola, e questo film mi è piaciuto un sacco :D

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.