Passa ai contenuti principali

Il Grande Gatsby

Un altro gradito ritorno al cinema, ma questa volta come è successo con il suo precedente film Australia, che recensirò prossimamente, in cui ha richiamato Nicole Kidman, per Il grande Gatsby, tratto dal romanzo di Francis Scott Fitzgerald, ha ingaggiato Leonardo Di Caprio, che aveva già lavorato con lui in Romeo + Giulietta.
Sin dalle prime immagini si riconosce da subito lo stile eccesssivo, colorato e visionario del regista, che sembra essere tornato ai fasti della trilogia della tenda rossa, e ha raccolto con se un cast di attori strepitoso.
Inutile dire che il film mi è piaciuto vero? Ammetto di non aver visto la versione con Mia Farrow e Robert Redford - la recupererò molto presto - perciò mi limito alle sensazioni che ho avuto davanti a questo grande film.
Si perchè si tratta di un grande film, che Luhrmann racconta e personalizza alla sua maniera, prendendo sempre il suo stile postmoderno, e attualizzando la storia, la regia, i costumi, la scenografia curata da Catherine Martin moglie del regista, sono impeccabili.
Sembra che voglia tornare ai fasti dei film con i quali il grande pubblico lo ha conosciuto e lo ha ammirato, e allora imbastisce la sua visione del capolavoro di Fitzgerald.
E' la storia di un uomo che da povero, si costruisce una posizione diventando l'uomo più ricco della città, ma è anche un uomo innamorato, dell'indimenticata Daisy - Carey Mulligan, una dei giovani talenti recenti, qui è piuttosto sottotono, ma di solito questa ragazza sa regalare interpretazioni degne di nota.
Leonardo Di Caprio riesce a incarnare il mito di Gatsby, che grazie all'arguzia di Baz Luhrmann - ma non so se è presente nel libro che non ho letto - un uomo ambizioso, che pur di conquistare la donna che ama, riesce a diventare qualcuno, con una bellissima casa che sembra una reggia, dove si svolgono grandi feste i cui invitati vengono senza invito, tranne per il cugino di Daisy, che fa da ruffiano dato che la ragazza è sposata con prole con un uomo che la tradisce e non la considera.
Il vecchio amore risorge dalle ceneri e la scintilla si riaccende, ma ci saranno conseguenze terribili e inaspettate.
Bellissima la colonna sonora in cui c'è un duetto della canzone di Amy Winehouse Back To Black, cantata  da Beyonce e Andrè 3000 e tanti altri artisti vari, scelti da quel grandissimo regista che è Baz Luhrmann.
Voto: 8 stavolta è un otto pieno e credo che se lo merita.
IMPERDIBILE




Commenti

  1. Non hai citato la meravigliosa Young and Beautiful, comunque capolavoro anche se dopo aver visto 10 minuti del film con Redford sono andata a farmi un pisolino, questa versione geniale é imbattibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ecco...devo aggiustarla hihihi :P

      Elimina
  2. questo è il Grande Cinema del Grande Luhrmann :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…