Passa ai contenuti principali

Il Grande Gatsby

Un altro gradito ritorno al cinema, ma questa volta come è successo con il suo precedente film Australia, che recensirò prossimamente, in cui ha richiamato Nicole Kidman, per Il grande Gatsby, tratto dal romanzo di Francis Scott Fitzgerald, ha ingaggiato Leonardo Di Caprio, che aveva già lavorato con lui in Romeo + Giulietta.
Sin dalle prime immagini si riconosce da subito lo stile eccesssivo, colorato e visionario del regista, che sembra essere tornato ai fasti della trilogia della tenda rossa, e ha raccolto con se un cast di attori strepitoso.
Inutile dire che il film mi è piaciuto vero? Ammetto di non aver visto la versione con Mia Farrow e Robert Redford - la recupererò molto presto - perciò mi limito alle sensazioni che ho avuto davanti a questo grande film.
Si perchè si tratta di un grande film, che Luhrmann racconta e personalizza alla sua maniera, prendendo sempre il suo stile postmoderno, e attualizzando la storia, la regia, i costumi, la scenografia curata da Catherine Martin moglie del regista, sono impeccabili.
Sembra che voglia tornare ai fasti dei film con i quali il grande pubblico lo ha conosciuto e lo ha ammirato, e allora imbastisce la sua visione del capolavoro di Fitzgerald.
E' la storia di un uomo che da povero, si costruisce una posizione diventando l'uomo più ricco della città, ma è anche un uomo innamorato, dell'indimenticata Daisy - Carey Mulligan, una dei giovani talenti recenti, qui è piuttosto sottotono, ma di solito questa ragazza sa regalare interpretazioni degne di nota.
Leonardo Di Caprio riesce a incarnare il mito di Gatsby, che grazie all'arguzia di Baz Luhrmann - ma non so se è presente nel libro che non ho letto - un uomo ambizioso, che pur di conquistare la donna che ama, riesce a diventare qualcuno, con una bellissima casa che sembra una reggia, dove si svolgono grandi feste i cui invitati vengono senza invito, tranne per il cugino di Daisy, che fa da ruffiano dato che la ragazza è sposata con prole con un uomo che la tradisce e non la considera.
Il vecchio amore risorge dalle ceneri e la scintilla si riaccende, ma ci saranno conseguenze terribili e inaspettate.
Bellissima la colonna sonora in cui c'è un duetto della canzone di Amy Winehouse Back To Black, cantata  da Beyonce e Andrè 3000 e tanti altri artisti vari, scelti da quel grandissimo regista che è Baz Luhrmann.
Voto: 8 stavolta è un otto pieno e credo che se lo merita.
IMPERDIBILE




Commenti

  1. Non hai citato la meravigliosa Young and Beautiful, comunque capolavoro anche se dopo aver visto 10 minuti del film con Redford sono andata a farmi un pisolino, questa versione geniale é imbattibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ecco...devo aggiustarla hihihi :P

      Elimina
  2. questo è il Grande Cinema del Grande Luhrmann :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.