Passa ai contenuti principali

Una Bionda in Carriera

E stiamo per recensire il sequel de La rivincita delle bionde, ma come spesso accade, nei sequel non sono mai all'altezza dell'originale.
E' un film che vorrebbe calcare il successo del precedente, ma che ahimè resta solo all'ombra, di biondo ormai rimangono solo i capelli della protagonista, che qui si veste da paladina dei diritti degli animali.
Se l'inizio è carino e spiritoso, man mano che il film va avanti, abbonda di stereotipi e di un buonismo per tutto e tutti assolutamente fuori luogo, va bene i diritti per gli animali anche se gay, ma un po' di vetriolo soprattutto verso i personaggi negativi non avrebbe guastato affatto.
Una bionda in carriera è un film fuori spessore, nel primo capitolo vedevamo la protagonista combattere per eliminare gli stereotipi sulle bionde, questo film è una carrellata glamour che vorrebbe essere divertente ma non lo è, è superficiale smielata, e chi più ne ha più ne metta.
Il suo essere a favore della causa animalista non è sincero, ma è politically correct il che la dice lunga su alcune scene fin troppo a favore della causa, ok sta bene, ma un po' di critica verso gli animali maltrattati non c'è? Solo far chiudere lo studio delle sperimentazioni, per trovare la mamma del tuo cane mi sembra fin troppo poco, perchè non farla chiudere per TUTTI gli animali?
Il film fa acqua da tutte le parti, dalla regia fin troppo perfettina, dal plot che vorrebbe essere animalista, ma si limita solo a fare il suo compitino politically correct senza occuparsi di tutti gli animali, il messaggio che questo film da è altamente falso e superficiale, ci vuole un po' di cattiveria e sana critica - non verso gli animali per carità - verso chi maltratta gli animali, non per maltrattare la mamma del tuo Chiuauah.
Una bionda in carriera ha perduto il suo essere fuori dalle righe del primo capitolo e il suo sano umorismo e la critica verso una società che va contro le bionde per sostenere una causa in cui non crede, tanto per far contentino il pubblico, ma un film deve pur essere sensibilizzato alla causa animalista.
Un film deludente che è l'ombra del primo capitolo che lo ha preceduto, la stessa Reese Whiterspoon che nel primo capitolo era spiritosa e frizzante, qui è esattamente l'opposto, eh ma ormai siamo avvocatesse, quindi dobbiamo difendere gli animali per una buona causa, daccordo, ma ci vuole  la sensibilizzazione al problema baby.
Questa volta il mio voto è 4 e se lo merita tutto quanto.


Commenti

  1. il primo è un gioiellino, questo è vero, è 'na schifezza :)

    RispondiElimina
  2. Il primo mi divertì al punto giusto, anche perché io adoro Jennifer Coolidge che nel film rpecedente era quella che le faceva le unghie, diventò anche amica.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.