Passa ai contenuti principali

L'amore dura tre anni

Vive la France...
Ok fine recensione.........................
...................................................
Ok ok scusate, stavo scherzando hahaha, vi ho fatto venire un colpo vero? Hahaha, eh si ogni tanto mi piace fare scherzi per i miei lettori, in un certo senso quello che ho scritto è vero, Vive la France, il film che recensirò oggi è una commedia.
Si, avete sentito bene, una commedia francese, sapete di quelle classiche, romantiche incentrate sulla disillusione d'amore di un uomo, che per ripicca scrive un romanzo dietro a uno pseudonimo;
il problema è che si innamora proprio di una donna, che ritiene immaturo l'uomo che ha scritto questo romanzo, come fare a riconquistarla dopo che la verità è venuta alla luce compresa l'identità del misterioso scrittore? E lei riucirà a fargli cambiare idea?
Lì per lì l'idea non è originale, ma il bello del film sta tutto nel fare cambiare idea al protagonista, o per meglio dimostrare che la sua teoria è falsa, alla fine la donna di cui si è innamorato otterà ben più che il cambio di idea da parte sua...ma...e qui è il bello...non spoilero!!!
Sapete benissimo che odio rivelare dettagli a chi il film ancora non l'ha visto, anche io da critica cinematografica e recensitrice ho la mia etica, che non intendo tradire, quindi non vi resta che guardare il film per sapere come va  a finire.
Recensione...
Eh si ora arriva il bello, perchè la Francia ultimamente sta sfornando un film più bello dell'altro, non fa una differenza nemmeno l'amore dura tre anni, è intelligente, spiritoso, con una recitazione divertente e sopra le righe e una regia acuta e pungente, anzi direi trasgressiva...perchè il nostro eroe ha tante cose da imparare sull'amore...ancora...e forse capire che non tutte le donne sono uguali.
Un film tutto da vedere e soprattutto da gustare, sia per chi è single,  e sia perchè è accoppiato, in parole povere diverte senza mai essere banale o superficiale.
DA COLLEZIONARE


Commenti

  1. Il film non l'ho mai visto, ma ricordo che il libro non era male. se mi capita cercherò di recuperarlo.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.