Passa ai contenuti principali

Gli sfiorati

A Matteo Rovere gli piace provocare il pubblico,  e lo fa anche con questa sua opera seconda.
Protagonista è un ragazzo in cui deve occuparsi della sorellastra prima delle nozze del padre con la sua compagna con cui convive da vent'anni.
Il ragazzo appassionato di grafologia inizialmente vede la convivenza con la sorellastra come imbarazzante, c'è qualcosa che lo mette  a disagio...ma cos'è?
Piano piano, scopriremo cosa c'è stato tra i fratelli, - che non dico per non spoilerare altrimenti finisce il mistero che alleggia e non c'è piacere - e inizieranno a convivere serenamente nella loro nuova famiglia.
Ancora una volta Matteo Rovere, traduce per lo schermo un romanzo, questa volta filmato da Sandro Veronesi, sul tema centrale di una nuova figura fraterna che entra nella vita di una persona, con cui dobbiamo imparare a convivere e condividere il nostro mondo, anche se siamo ormai grandicelli, ma questa è la famiglia allargata, e bisogna imparare a convivere e volersi bene...anche se le cose non sono mai facili.
Siamo di fronte a un film dove i valori della famiglia sono messi in primo piano, e dove le cose non sono mai come vogliamo che fossero, c'è un segreto che i due fratelli custodiranno per sempre...e forse non lo saprà mai nessuno, ma questa è la famiglia, bisogna prenderla per come viene, non possiamo certo chiedere noi i genitori ideali, o i fratelli o sorelle ideali, bisogna accettarli così come vengono, anche se nessuno è perfetto, ma è la vita, ormai bisogna prenderla così come viene.
Il grande buio interiore che Matè il protagonista del film dovrà attraversare per accettare questa nuova famiglia, nata dal padre, il film non dice mai se i suoi genitori hanno divorziato o meno, dice soltanto che  la madre di Matè è morta, e forse è anche accaduto il divorzio, ma il regista non approfondisce il tema, ma ce lo fa soltanto immaginare.
Pregio o difetto che sia, dovrà condividere il suo mondo con questa nuova sorella, il che non è mai facile conoscere e accettare come sorella una persona che non è cresciuta insieme a te.
Ma le cose piano piano cominciano a cambiare per il meglio.
Un bel film, nonostante tutto, più maturo e più delicato del precedente Un gioco da ragazze, che era cinico e spietato, qui invece racconta un tabù - ma lo scoprirete meglio guardando il film - e della consapevolezza di due adolescenti che devono imparare a vivere come fratelli.
Apparte questo credo che sia un passo decisamente in avanti rispetto alla pellicola precedente, di un autore che vuole crescere e non ha paura di parlare al pubblico raccontando storie attraverso lo schermo, il che è già un motivo di guardare il film.
APPETITOSO


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.