lunedì 24 giugno 2013

Viaggio in paradiso

Un film d'azione riporta al cinema Mel Gibson, oltre questo dobbiamo dire che interpreta un antieroe, che viene arrestato dalla polizia e inserito in una prigione/villaggio chiamato el pueblito.
Qui fa amicizia con un ragazzino che ha voglia di vendicarsi della morte del padre per colpa del boss locale, che vuole salvarsi la vita con un trapianto di fegato e ha messo gli occhi ora sul ragazzino con cui il rapinatore ha stretto amicizia.
A El Pueblito, devi trovare i legami giusti per poter sopravvivere, e questo ragazzino dimostra di saperne una più del diavolo, ma per salvarsi la vita avrà proprio bisogno del rapinatore per non fare la fine di suo padre, e per lui salvare il bambino diventa una missione, ma prima deve convincerlo a smettere di fumare, e non sarà affatto facile, ci riuscirà?
Diciamocelo subito, il film non è originale, c'è il rapinatore che gli stanno sulle balle i ragazzini, poi c'è il ragazzino che farà di tutto per farsi accettare, c'è la figura paterna che mancha e via dicendo, quello che conquista di questo film sono i contenuti e la caratterizzazione dei personaggi che colpiscono fin dalla prima scena.
Un film che conquista senza dubbio, ma che non raggiunge i verici del capolavoro, mi spiego, è fatto abbastanza bene, con una regia efficace e una recitazione all'altezza, ma e qui facciamo il punto della situazione, resta più una pellicola di intrattenimento che si regge bene, anche se si poteva fare molto di più, il film gioca fin troppo sui sentimenti dei protagonisti, che possono essere un arma a favore, ma troppo sentimentalismo in una pellicola di genere diventa uno stereotipo che alla lunga può infastidire lo spettatore, ma questo è solo il mio parere, poi ognuno ha le sue reazioni.
Mel Gibson è bravo, ma qui sembra rifare un po' i personaggi che lo hanno reso celebre non aggiungendo nulla di nuovo, il bambino è bravissimo e il suo personaggio è quello che fa risaltare il film, come il plot, la regia come ho detto prima, è efficace ma ancora non è determinata, il regista sceglie Gibson come protagonista ma non sa creare il personaggio che deve interpretare, allora ripesca dai personaggi che ha interpretato, ma è molto poco rispetto a ciò che dovrebbe creare un regista.
APPETITOSO
Voto: 6
Ma il regista poteva fare molto di più.


4 commenti:

  1. sufficienza regalata a un filmetto davvero modesto.
    e mel gibson non è bravo! ma per niente ahah :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vabè dai...è una rivistazione dei suoi personaggi, Gibson avrebbe fatto meglio a non accettare questo ruolo, cacchio ha un talento assurdo, perchè perde tempo con questi ruoli? Vallo a capire :D

      Elimina
  2. Io Mel Gibson non l'ho mai sopportato, questo film lo vidi l'annoscorso durante l'emergenza terremoto nella cantina di casa mia, tanto per guardare qualcosa di leggero, devo dire che mi aspettavo di peggio però ugualmente la sufficienza io non gliela avrei data, però comunque vedendo che l'attore ti piace è normale che il film ti sia piaciuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh beh si, il film non è male, ma poteva essere molto meglio, Mel Gibson farebbe bene a scegliere ruoli migliori...

      Elimina

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...