Passa ai contenuti principali

Codice 46

In un futuro apocalittico, è una multinazionale a stabilire se una persona ha il codice genetico adatto, per procreare, per amare, o per farsi una famiglia.
Lo sperimenta sulla propria pelle William (Tim Robbins) che lavora per la società assicurativa Sphinx, il suo lavoro consiste nello smascherare i falsificatori di contratti, che permettono alle persone normali, o che la società dice che sono non idonee, a vivere la vita come tutti quanti.
Ma in un mondo dove chi ha il codice genetico adatto ha tutti i diritti, questo secondo la società che si comporta come un grande fratello onnipresente e opprimente, che premia la "perfezione" e ghettizza "l'imperfezione".
Si avete capito bene, per questo ho messo le parole tra virgolette, per renderlo più incisivo.
Ma un giorno William si innamora di Maria, (Samantha Morton) una falsificatrice, e l'amore e ricambiato ma c'è un problema, lui lavora per il nemico, e deve far parlare maria per smascherarla grazie alla sua abilità di empatizzare con la gente, l'amore per Maria avrà una conseguenza inaspettata: la ragazza rimane incinta e vengono scoperti proprio dalla Sphinx, che la fa sparire e le cancella la memoria sulla sua storia con William.
Ma c'è un problema, lui non ha dimenticato e cerca di capire cosa le sia successo, quello che scoprirà sarà agghiacciante, non solo le ha cancellato ogni traccia di William sulla sua mente, ma anche l'ha fatta abortire.
L'amore tra i due rinasce...e avrà altre conseguenze...non dico altro.
E' inutile negare la forza critica di questo film, che mette tutti dentro un grande fratello che è il manovratore degli esseri umani, trasformati in persone che non possono scegliere per la loro vita, è il sistema a decidere per loro, sistema che è rappresentato dalla Sphinx, che annulla letteralmente anche il libero arbitrio di un essere umano.
Quanto c'è di vero in questa realtà? Solo a pensarci vengono i brividi, Michael Winterbottom che in passato ho visto il bellissimo Jude che vi consiglio fortemente di vedere, in questo film, racconta come sarebbe la società manovrata da una multinazionale, che decide come devi vivere, e con chi devi procreare per avere la perfezione, meglio una società in cui siamo tutti uguali che una società in cui le differenze vengono viste come una minaccia.
Questo fa rabbrividire perchè i sentimenti, nonostante tutto non possono essere manovrati da nessuno, neanche se ti cancellano la memoria, prima o poi vengono a galla e sarà dura domarli. Winterbottom fa una critica forte a una società in cui gli umani non hanno più dignità di scelta o libertà di amare chi si vuole, tutto viene svolto secondo cosa vuole la società o in base a ciò che è giusto per lei. Siamo di fronte  a un grande fratello che limita di fatto il libero arbitrio tra gli esseri umani, e questa sarebbe la libertà?
Il film ha una regia acuta e brillante, che fa da sfondo a una critica sociale in cui solo chi è adatto può procreare o amare, non sei più tu a decidere chi amare, ma la società, se questo dovrebbe succedere nella realtà sarebbe terribile.
In conclusione, un film che deve essere visto per riflettere sull'invasione di società che si trasformano in controllori della vita degli esseri umani, negando una cosa fondamentale la libera scelta, che fa parte della vita di ognuno di noi...il libero arbitrio.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.


Commenti

Post popolari in questo blog

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…