Passa ai contenuti principali

Silent Hill Revelation 3D

Ritorno a Silent Hill, potrebbe chiamarsi così questo film, che in pratica non chiude il cerchio, ma svela importanti misteri legati a questa città la cui protagonista Sharon, è scappata creandosi una nuova identità e vive con il padre, ma ben presto nella nuova scuola che frequenta succederanno degli avvenimenti che la richiameranno nella inquietante cittadina, ma questa volta non può scappare come fa di solito, deve affrontare i suoi demoni e scoprire cosa si nasconde, ora deve liberare suo padre e cercare di uscire viva dalla demoniaca città.
Visto così si potrebbe dire che sia un film giocattolo abbastanza riuscito, e in parte lo è, ma non si può fare un film giocattolo senza rispettare le regole del genere horror di cui il videogioco originale era intriso, mischare generi non è da tutti e chi non conosce bene i meccanismi può pasticciare la trama.
Devo ammettere però che questo film non mi è dispiaciuto, anche se sinceramente ci sono film migliori, ma come film d'intrattenimento per un horror è limitativo anche perchè ha moltissime qualità che non vengono sfruttate a pieno, ed è un peccato.
Costruire film su cose come libri, fumetti o anche videogiochi mette il pubblico a confrontare la tua opera con quella originale ed è naturale e normale, e siccome al videogioco non ci ho giocato giudico solo il film.
Già il primo episodio ha fatto storcere il naso, questo secondo capitolo come di consueto molti film ormai, sfrutta la tecnologia del 3D ma in un horror il 3D che centra? Non centra niente, molte volte sono gli effetti speciali a rendere il film da interessante a pacchiano...ma si rendono conto i registi? Usate sto 3D in film dove lo si richiede, invece viene usato ormai su tutti i film, TUTTI QUANTI, cioè io posso capire che fanno effetto, ma è un effetto superfluo, bisogna incatenare il pubblico alla poltrona, riuscirò a trovare qualcuno che ci riesca ora?
Incrociamo le dita, e aggiungo il 3D non fa paura, ma le scene e le atmosfere SI.
Il film resta un giocattolo di intrattenimento che non aggiunge molto al genere horror anche se narrativamente non è male, ma poteva essere meglio con le atmosfere giuste.
Voto: 5 e stavolta sono stata buona.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.