Passa ai contenuti principali

The Sessions - Gli incontri

Ed ecco un piccolo film indipendente che racconta di un giornalista, che è chiuso in un polmone d'acciaio all'improvviso sente il bisogno di avere rapporti sessuali, come fare per poter far l'amore? Ci pensa una terapista capace di aiutarlo nella scoperta del proprio corpo, non appena si accorge che i suoi desideri sessuali diventano più espliciti.
Ma quando l'amore fa capolino le cose si complicano.
Film tratto da una storia realmente accaduta negli anni ottanta, ha come protagonisti John Hawkes, bravissimo nel ruolo di Mark O' Brian, e Helen Hunt nel ruolo della terapista sessuale per persone paraplegiche.
Brian è paralizzato a causa della poliomelite che l'ha colpito da piccolo, e ancora non ha avuto rapporti sessuali, allora cerca qualcuno che lo aiuti a far l'amore, e lo trova nella terapista Cheryl Cohen Green.
Il tema portante del film, è che la vita va vissuta nonostante tutto, e Ben Lewin regista di questo film indipendente e coraggioso, ha tratto dal documentario vincitore di un oscar nel '96 The Life and Work of Mark O' Brian e Jessica Yu.
Anche Ben Lewin è affetto da poliomelite, e si vede da come ha curato il film che il tema lo tocca molto da vicino, la produzione è indipendente la regia è sapiente e decisa, e le interpretazioni sono realistiche e sincere, insomma un piccolo grande film che sottolinea il grande dono della vita, nonostante l'invalidità e la malattia va vissuta in pieno.
E' importante per un essere umano scoprire i propri desideri sessuali e il proprio corpo, anche se sei paralizzato, nel film non c'è nulla di volgare o di pacchiano, anzi vi dirò di più è uno di quei film seri che quando li guardi ti accorgi che aiutare il prossimo è una cosa fondamentale nella vita.
Questo film lo dovrebbero guardare tutti, primo perchè è toccante e coinvolge il pubblico, poi perchè non ci sono scene fini a se stesse, Ben Lewin, parla di sentimenti, di pulsioni naturali e per un film del genere bisognava trattare l'argomento in maniera limpida, dopotutto far l'amore è come mangiare, perchè non dovrebbero farlo anche i paralizzati?
DA NON PERDERE per semplici motivi, perchè parla d'amore con una tenerezza tale che si viene conquistati, anche se sei una persona sana.
Buona visione.


Commenti

  1. Mi è piaciuto davvero tantissimo e avrei gioito se al posto della Hathaway avesse vinto la Hunt agli Oscar!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si vero :) in questo hai proprio ragione ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.