Passa ai contenuti principali

Killer Elite

Un film action, un opera prima, davvero niente male con un cast di attori di tutto rispetto.
Niente è mai come appare, soprattutto quando devi far fuori su commissione alcune persone per salvare il tuo amico.
La vendetta è un piatto che va servito freddo, e per Danny che si era ritirato dal lavoro di killer che svolgeva, e che ha deciso di cambiare, tornare al suo lavoro precedente è per una buona causa, salvare la vita di Hunter, il suo amico nonchè mentore; non sarà affatto un avventura facile, anzi...perchè  gli uomini che deve eliminare, fanno parte di una squadra clandestina chiamata uomini piuma, e quello che dovrebbe essere un lavoro pulito e cristallino si complica maggiormente...
Un opera prima che ricalca molto lo stile dell'esordio alla regia di George Clooney con Confessioni di una mente pericolosa, tratto dal romanzo di Ranulph Fiennes The Feather man.
Il cast di attori riesce a calarsi molto bene nelle parti, e con il regista riescono a creare molta tensione scena dopo scena.
Il film non è un capolavoro, ma neanche aspira ad esserlo, diciamo che è un buon prodotto di intrattenimento , molto curato e ben fatto, Gary McKendry sa come parlare al pubblico attraverso i dialoghi schietti e taglienti, e le scene al cardiopalma, personalizza inoltre il suo film, e sapendo che all'origine c'è un romanzo, fa si che la sua impronta resta impressa nella storia e soprattutto nei personaggi, con il risultato di avere davanti un opera che può tranquillamente stare accanto ai vostri film preferiti e non sfigura mai.
L'asso nella manica di McKendry è ovviamente Robert De Niro, che da un ottima prova di interpretazione e fa il suo porco lavoro di grande interprete, il resto del cast gli tiene testa riuscendo a creare empatia con il pubblico.
APPETITOSO


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.