Passa ai contenuti principali

My Little Eye

Un Reality show che si trasforma in un gioco al massacro.
Un gruppo di ragazzi rispondono a una inserzione su internet che cerca persone per un gioco, una specie di reality show, in cui chi vince si porta a casa un bel bottino e deve fare di tutto per vincerlo, ma ben presto a uno a uno, tutti i partecipanti del gioco ci lasciano la pelle, chi sarà il vincitore? E cosa si nasconde dietro questo strano gioco?
Un altro film che potremmo definire reality, ma sinceramente parlando non è reality o meglio, gioca a fare della parodia dei reality show, in cui un branco di giovani in cerca di fama e successo, ma più che fama e successo vogliono vincere il ricco bottino, accetta di vivere isolato dentro un reality show.
Piano piano si capisce che è un gioco al massacro perchè ognuno di loro se sbagliano qualcosa ci lascia la pelle, ma i misteri non sono facili da smascherare, soprattutto se dietro c'è una acuta analisi sull'avidità umana che rimane vittima del gioco di qualcuno che si diverte a mascherare le sue reali intenzioni...ma siamo sicuri che è un reality?
I misteri sono fitti, intensi, il regista si diverte a giocare con lo spettatore al gatto col topo, in cui i protagonisti si trovano davanti qualcosa di inaspettato che stare a sorridere davanti a una videocamera, qualcosa che non possono combattere e soprattutto un mistero fitto che sembra impossibile da sciogliere, ci riusciranno?
Nell'era dei reality show, ecco un thriller tutto incentrato su di essi, che gioca aumentando la suspance, e riuscendo a incollare lo spettatore sulla poltrona, la sorpresa ci sarà e sarà terribile.
Come è terrificante l'acuta analisi di una società disposta a tutto per vincere un bottino, e non manca anche una critica a una tv che trasforma tutto in oro, quello che non luccica; certo paragonato ad altri capolavori non è che risulta vincitore, comunque sia è un buon prodotto di intrattenimento che fa il suo onesto lavoro.
Marc Evans, costruisce il film come un thriller, prendendo a modello i classici del genere come Halloween o Venerdì 13, facendo un mix con il reality show, non accostatelo comunque a film come The Blair Witch Project, anche se i presupposti per farlo ci sono tutti, il film è completamente diverso, chi è l'assassino dei partecipanti al reality? Cosa si nasconde dietro al pc che ha inventato il gioco?
Per scoprirlo non vi resta che guardarlo.
Buona visione.
NON MALE.


Commenti

  1. Per me una cosa inguardabile, talmente stupida da rasentare il comico. C'è da dire che lo vidi all'uscita, potrei cambiare idea se lo rivedessi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vabbè certo non è un capolavoro, ma è un film cazzaro, e deve essere preso per come si presenta :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.