Passa ai contenuti principali

Oblivion

Ed ecco il ritorno di Tom Cruise al cinema, e quest'anno con il secondo film: e che film!!!
E' sicuramente uno dei migliori film di questa annata, sancito da un ottima sceneggiatura, che doveva essere il soggetto di una graphic novel, poi divenuto film grazie a Tom Cruise.
Joseph Kosinski, che ha precedentemente diretto Tron Legacy, con questo film fa un passo decisamente in alto rispetto alla sua opera precedente, che era il seguito di un altro film culto anni ottanta Tron che ha rinverdito facendone un film decisamente migliore del precedente, non è differente questo grandioso Oblivion, che è un film di fantascenza, decisamente diverso dagli altri precedentemente usciti, un opera originale scritta e diretta benissimo da un autore che si rinnova sempre, si avete letto bene, perchè nonostante tutto Oblivion, è molto originale, un opera che a prima vista può sembrare di intrattenimento, e in parte è così ma poi piano piano ti accorgi che c'è di più, molto di più.
Dire che sia una trasformazione dai film di fumetto è riduttivo, ci sono tematiche profonde in Oblivion, come misteri da risolvere sul perchè la terra è ormai distrutta, chi e che cosa la ha ridotta come un centro per l'energia di un altro pianeta? Si può tornare come prima? Cosa si nasconde dietro la colonia di umani che si nascondono fuori dalle città?
Sono queste le domande che vengono in mente durante la visione di questa pellicola straordinaria e sorprendente, ed è chiaro l'intento di Kosinski, soprattutto il messaggio nascosto che vuole trasmetterci, cioè quello di rispettare quello che abbiamo e di non trascurarlo.
Tom Cruise da attore navigato che è, offre una interpretazione notevole, che non perde mai di vista le azioni del suo personaggio, lui è il centro della storia e lo spettatore segue le sue gesta cercando di sbrogliare la matassa che si cela dietro il personaggio della sua compagna...cosa nasconderà mai di tanto terribile?
Per scoprirlo guardatelo.
Un grande film, sicuramente da non perdere perchè tra quelli usciti quest'anno è uno dei migliori quindi lo consiglio a voi tutti che mi seguite.
Kosinski ha l'abilità di tenere lo spettatore sulla corda per tutta la durata del film, e di rivelare a poco a poco i suoi grandi misteri, come un puzzle che piano piano si ricompone, e lo spettatore non riesce a staccare gli occhi dallo schermo dall'inizio alla fine...se questo è poco...
In conclusione, un filmone.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE
Buona visione.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.