Passa ai contenuti principali

Una Lucertola con la pelle di donna

Ed ecco un gradito ritorno tra le pagine della fabbrica dei sogni, oggi recensirò un suo film che - come tanti che ha filmato - è un autentico cult movie, amatissimo peraltro da Mario Bava, tanto che ad una proiezione lo applaudì.
Ci troviamo nei dintorni del giallo italiano, quello che ha fatto la fortuna di registi come Mario Bava, o il suo erede più diretto, Dario Argento, che l'anno prima esordì proprio con un film animalistico di cui questo ne ricalca la tendenza.
Questo giallo è giocato tutto sul sospetto, lo spettatore non capirà le cose fino a quando non ci sono le carte in tavole scoperte, Fulci sa giocare molto bene le sue carte e da autentico furbacchione, lascia intendere allo spettatore ma non si scopre fino all'ultimo.
Non sottovalutate affatto questo film, anzi guardatelo perchè innanzitutto merita tantissimo, per la costruzione di cui ho parlato poco fa, per la regia di Fulci, che sa giocare benissimo la sua partita dall'inizio alla fine, senza perdere il filo del discorso.
Questo è senza dubbio un film visionario, come anche alcuni suoi film, con questo film sa tenere lo spettatore sulla poltrona dall'inizio alla fine.
Florinda Bolkan, qui è protagonista del film, e interpreta una nobildonna che sogna il delitto di una sua vicina di casa, dalla vita dissoluta, il padre si autoincolpa dell'omicidio non appena riceve una telefonata  che intende svelare un segreto compromettente nella sua famiglia, ma il detective capisce da subito che lui sta coprendo qualcuno, ma di chi si tratta?
Un film avvincente dall'inizio alla fine, non annoia mai, è ricco di colpi di scena che arrivano quando meno te lo aspetti, come di solito fa questo grande regista da rivalutare, e se non l'aveta fatto fatelo, da queste parti è molto stimato dalla sottoscritta, che navigando tra i blog - soprattutto quello delll'amico Robydick - lo ha conosciuto e ha iniziato il suo percorso.
CULTISSIMO
Voto: 7




Commenti

  1. Questo film l'ho visto veramente tanto tempo fa. Dovrei recuperarlo. Il bello è che in Italia non se lo ricorda nessuno e all'estero è un cult.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. peccato, a me è piaciuto moltissimo :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.