Ricky - Una storia d'amore e libertà

Questo film è come una fiaba, e come tutte le fiabe, la si deve guardare perchè dimostra di avere una leggerezza e una semplicità disarmanti riuscendo a divertire lo spettatore.
E' un film leggero come ho detto prima per questo risulta piuttosto vincente, perchè presentando la storia di assoluta fantasia, Ozon si inventa una fiaba adatta a conquistare il cuore di tutti, sia per l'assoluta innocenza del protagonista, chi non si intenerisce alla vista di un bambino con le ali che svolazza di qua e di là? Sia per il rapporto che lega all'inizio Kathy e Paco, rispettivamente i due genitori del piccolo, con questo film François Ozon, si allontana dal cinismo delle sue opere precedenti per dirigere un opera ispiratissima, di tenerezza, e fa centro, perchè questo piccolo ma grande film, racchiude in se parecchi significati, come la comprensione e la tolleranza, e che sono anche valori che si trasmettono attraverso le fiabe quando vengono raccontate, quando gli autori virano per altri temi avvolte fanno cilecca, ma - come in questo caso - avvolte fanno centro, e Ricky ha fatto centro sia nel mio cuore di spettatrice che sicuramente farà centro anche nel vostro cuore, se un giorno lo vedrete, poi mi dite se vi è piaciuto o meno, intanto quando ho visto questo piccolo gioiello, ho voluto staccare la spina, e quando mi sono trovata di fronte a una fiaba, scritta e diretta in completo stato di grazia, è stata un esperienza sorprendente, non sono molti i film ispirati e girati col cuore, anzi al giorno d'oggi si contano sulle dita di una mano, ma come spesso accade, è l'ispirazione che fa la differenza, e scusate se è poco.
Comunque, è un film da vedere e scivola giù che è una meraviglia, come se voi beveste un bicchiere d'acqua fresca che vi inebria e che vi intenerisce, la parte in cui Kathy nota le echimosi sulla schiena del bambino, è la parte più drammatica, perchè Paco viene allontanato sospettando che abusi del bambino, ma questi sospetti verranno dimenticati non appena al bambino spuntano le ali, e Paco dopo un po' di tempo torna a casa, ma torna perchè gli manca la sua famiglia o torna per sfruttare la situazione?
Quando i media comincieranno a invadere la vita del piccolo Ricky volerà via letteralmente, per vivere una vita di innocenza lontano dalla curiosità invadente degli altri.
DA NON PERDERE



Commenti