Passa ai contenuti principali

Non Chiamarmi Omar

Sergio Staino, dirige un film incentrato sull'italiano medio, ma forse si limita a fare un film molto simile ai fumetti, che altro.
Nonostante il cast di attori, tra cui spicca anche la nostra Stefania Sandrelli, il film è tratto dal racconto di Altan, Nudi e Crudi, e ne fa una satira a modo suo, dimenticando che un opera cinematografica non la si può trattare come un fumetto, per dirla in parole semplici, è una satira fumettistica che col cinema non ha nulla a che fare, o quasi, che lascia un po' di amaro in bocca, apparte qualche battuta azzardata che fa uscire una o più risate, è un film incapace di percorrere una via personale, anche grazie ad una regia confusa che non riesce a plasmare il plot, c'è la casalinga disperata, interpretata da Ornella Muti, che è succube del figlio ossessionato dalle moto, c'è la paralitica Stefania Sandrelli, che viene mollata dal marito vicino a un ristorante in cui conosce il cuoco di cui si innamorerà e riacquisterà l'uso delle gambe, c'è la finta radical chic che viene corteggiata da un segaiolo con gli occhiali, e via dicendo, il tutto è collegato dal ritrovamento di una valigetta dimenticata dall'Omar del titolo che è ospite del radiosalotto, un talk show radiofonico, quest'uomo è un chirurgo che in diretta radiofonica da istruzioni all'infermiere per svolgere un operazione chirurgica, e questo fa un disastro dietro l'altro, c'è un marocchino che vuole la valigetta ma che finirà male, insomma nella trama c'è troppa carne al fuoco, e Staino dei suoi personaggi ne fa caricature, senza andare nel nocciolo della questione, senza nemmeno riuscire a renderli simpatici o accattivanti, questa opera cinematografica è confusa, e apparte qualche battuta non riesce a divertire, vuole fare della satira a tutti costi, senza plasmarla, ovviamente il cast di attori sembrano tutti marionette incapaci di esprimere i loro personaggi al loro meglio, e Staino si limita a fare un cartoon + che un film, rendendo difficile l'empatia con i protagonisti, rendendo il film un grande calderone incapace di divertire nè tantomeno di creare alchimia con gli spettatori, ci troviamo di fronte a un fumettone che cerca a tutti i costi di essere un film comico, e cerca per forza di piacere al pubblico senza riuscire nel suo intento, se Staino avesse cercato di essere meno ambizioso, magari e avesse dato anima al plot e ai protagonisti a quest'ora parleremo di una commedia riuscitissima, perchè sulla carta il film ha delle potenzialità che non vengono espresse dal suo autore.
Peccato.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.