Passa ai contenuti principali

Shroom - trip senza ritorno

Ormai per i nuovi horror o presunti tali, basta scrivere signori miei l'horror è morto, fatevene una ragione, si chiuderebbe la recensione e si passerebbe ad altro, succede anche con questo horror, allucinato, pseudoonirico, che nulla ha a che fare con la paura, protagonisti un gruppo di giovani ragazzi, in cerca dei funghi allucinoggeni per un trip in irlanda, una di loro si prende il fungo più pericoloso e inizia un trip che più incasinato non si può, la gente comincia a sparire, visioni senza arte ne parte, insomma il caos, inutile dire chi è l'artefice degli omicidi vero? Il film mette in scena visioni scollegate tra loro, come se lo spettatore assiste a qualcosa che è successo ma che non si spiega del tutto, un opera scollegata, che non ha nulla a che fare con la paura vera e propria, siamo lontani anni luce dai grandi maestri che hanno fatto dell'horror una leggenda, dimentichiamoci quell'epoca, è ormai passata, accontentiamoci soprattutto di colmare le nostre lacune con i veri classici e buttiamo via questi filmetti insulsi che nulla hanno da spartire con i film di geni quali Cronenberg, Carpenter e Romero, oggi si fa cinema solo per i soldi, gli artigiani quando escono fanno centro, e certo che fanno centro, loro sanno come imbastire un horror, persino Tim Burton che non è un autore horror, ma quasi, ha diretto il bellissimo Il mistero di Sleepy Hollow un piccolo capolavoro che vi consiglio vivamente di vedere, anzi Tim quando era nella gloria, riusciva a mischiare i generi, ci giocava a nascondino, facendo divertire il  pubblico, spesso erano opere adatte anche  a tutta la famiglia, invece ora non c'è ispirazione, non c'è talento, l'horror è diventato un genere che fanno tutti, un genere di Business, che nulla ha  a che fare con la tensione che deve essere palpabile, ma ormai è inutile ripetersi, Shroom trip senza ritorno fa parte della categoria degli horror con la h minuscola, quelli che faremmo bene a lasciare in un cassetto, che i veri appassionati non li tengono in considerazione, prevedibilità apparte, il film è scontato, vorrebbe essere figo, ma si riduce a una tiepida versione teen di come deve essere l'horror, nelle mani di Cronenberg sarebbe stato un capolavoro e questo ve lo dico con il cuore in mano.
DA EVITARE.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.