Passa ai contenuti principali

Marianna Ucrìa

Sullo sfondo della sicilia del 700, si consuma il dramma di una donna sordomuta, che è rimasta vittima di un atto infame da piccola e per il trauma ha perso la parola.
In questo meraviglioso film, che si ispira alle appassionanti pellicole di Jane Campion ed è tratto dal romanzo omonimo di Dacia Maraini c'è la storia di una bambina, molto legata al nonno, che in pratica l'ha cresciuta, e che una volta raggiungi i 13 anni di età, va in sposa a uno zio, che è colui che scopriremo si è macchiato di una colpa infamante quando era poco più di una bambina l'ha violentata, e per insabbiare la vergogna, invece di farla pagare a chi ha commesso questo atto di crudeltà che ne ha segnato la vita, le hanno detto che era nata muta, e la bambina ha creduto questo fino a quando sono usciti fuori dei ricordi, dal suo inconscio, che sono cose che non si possono nascondere, e nemmeno insabbiare, così la madre una volta appreso che in Marianna, c'è un buco nero da risollevare, non può fare a meno di dire la verità, sarà per lei un momento difficile e complesso, forse riuscirà anche a parlare? Sullo sfondo di una sicilia, acre, ancora legata all'onore, e ai matrimoni riparatori e combinati per insabbiare il tutto, si svolge la storia di Marianna Ucrìa, diretta da Roberto Faenza e interpretata tra l'altro da Emmanuelle Laborit, Philippe Noiret, Laura Morante, e Laura Betti.
Marianna è una donna appassionata e giovane, che vuole conoscere la vita, nonostante il matrimonio infelice con lo zio, lega con un professore, uno scienziato, con cui parla spesso e volentieri, cerca di farsi una cultura, cerca di vivere la sua vita, ma la cosa dura anche poco, perchè un prete bigotto, dice al marito, che i discorsi che Marianna fa col professore non gli piacciono, e così viene mandato via, e Marianna viene messa in riga per fare il suo ruolo di moglie e madre, anche se di nascosto, i due si scrivono sempre.
La vita per Marianna comincia quando il marito muore, finalmente è una donna giovane e indipendente, e si innamora ricambiata ed è proprio in questo momento, che alcuni ricordi nascosti nel suo inconscio riprendono vita...
Roberto Faenza traduce il romanzo di Dacia Maraini, curando meticolosamente gli usi e i costumi della sicilia del settecento, un ritratto amaro anche nel tracciare una vergogna nascosta per il nome, per quello che gli altri possono dire, per l'onore e il rispetto, ma che hanno dato il silenzio a un essere umano, il tutto per ignoranza e ipocrisia, e Faenza riesce a trasmetterlo ai suoi spettatori grazie a semplici e commoventi scene, in cui piano piano si scopre la vera storia del matrimonio di Marianna, il suo spirito passionale e indipendente, e ne fanno il ritratto di una donna che è protagonista indomita della storia, il suo mondo è fatto di gesti e parole, ma il suo fuoco interiore sarà quello che la guarirà in tutto, menzione speciale a Emmanuelle Laborit, che è bravissima, come al sempre maturo Philippe Noiret, un po' sottotono tutti gli altri.
DA NON PERDERE.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.