Passa ai contenuti principali

Marianna Ucrìa

Sullo sfondo della sicilia del 700, si consuma il dramma di una donna sordomuta, che è rimasta vittima di un atto infame da piccola e per il trauma ha perso la parola.
In questo meraviglioso film, che si ispira alle appassionanti pellicole di Jane Campion ed è tratto dal romanzo omonimo di Dacia Maraini c'è la storia di una bambina, molto legata al nonno, che in pratica l'ha cresciuta, e che una volta raggiungi i 13 anni di età, va in sposa a uno zio, che è colui che scopriremo si è macchiato di una colpa infamante quando era poco più di una bambina l'ha violentata, e per insabbiare la vergogna, invece di farla pagare a chi ha commesso questo atto di crudeltà che ne ha segnato la vita, le hanno detto che era nata muta, e la bambina ha creduto questo fino a quando sono usciti fuori dei ricordi, dal suo inconscio, che sono cose che non si possono nascondere, e nemmeno insabbiare, così la madre una volta appreso che in Marianna, c'è un buco nero da risollevare, non può fare a meno di dire la verità, sarà per lei un momento difficile e complesso, forse riuscirà anche a parlare? Sullo sfondo di una sicilia, acre, ancora legata all'onore, e ai matrimoni riparatori e combinati per insabbiare il tutto, si svolge la storia di Marianna Ucrìa, diretta da Roberto Faenza e interpretata tra l'altro da Emmanuelle Laborit, Philippe Noiret, Laura Morante, e Laura Betti.
Marianna è una donna appassionata e giovane, che vuole conoscere la vita, nonostante il matrimonio infelice con lo zio, lega con un professore, uno scienziato, con cui parla spesso e volentieri, cerca di farsi una cultura, cerca di vivere la sua vita, ma la cosa dura anche poco, perchè un prete bigotto, dice al marito, che i discorsi che Marianna fa col professore non gli piacciono, e così viene mandato via, e Marianna viene messa in riga per fare il suo ruolo di moglie e madre, anche se di nascosto, i due si scrivono sempre.
La vita per Marianna comincia quando il marito muore, finalmente è una donna giovane e indipendente, e si innamora ricambiata ed è proprio in questo momento, che alcuni ricordi nascosti nel suo inconscio riprendono vita...
Roberto Faenza traduce il romanzo di Dacia Maraini, curando meticolosamente gli usi e i costumi della sicilia del settecento, un ritratto amaro anche nel tracciare una vergogna nascosta per il nome, per quello che gli altri possono dire, per l'onore e il rispetto, ma che hanno dato il silenzio a un essere umano, il tutto per ignoranza e ipocrisia, e Faenza riesce a trasmetterlo ai suoi spettatori grazie a semplici e commoventi scene, in cui piano piano si scopre la vera storia del matrimonio di Marianna, il suo spirito passionale e indipendente, e ne fanno il ritratto di una donna che è protagonista indomita della storia, il suo mondo è fatto di gesti e parole, ma il suo fuoco interiore sarà quello che la guarirà in tutto, menzione speciale a Emmanuelle Laborit, che è bravissima, come al sempre maturo Philippe Noiret, un po' sottotono tutti gli altri.
DA NON PERDERE.


Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.