Passa ai contenuti principali

Moneyball - L'arte di vincere

Da una storia vera, Bennet Miller ne dirige un film, con un cast ispirato, che riesce a far si che lo spettatore simpatizzi con i personaggi.
La storia è quella di un ex giocatore di baseball, Billy Beane che non riuscendo a comprare grandi nomi per la squadra,  perchè ha perso una partita e si vede portar via tre dei migliori giocatori, non riuscendo a capire che pesci pigliare, per caso conosce un esperto di finanza che con le statistiche, riesce a fare comprendere a Billy che non bisogna formare una squadra in base a grandi nomi, ma alle caratteristiche di gioco, e attraverso le sue statistiche Billy forma la squadra, se all'inizio non vincono, è solo una questione di tempo, di certo la strada per la vittoria e la conferma delle teorie di Peter non saranno facilmente digerite dai dirigenti, ma con le prime vittorie, arrivano le prime certezze e soprattutto soldi, soldi a palate, questo fa si che la squadra formata da Billy vinca, e vince anche premi prestigiosi, niente male per una squadra su cui nessuno puntava, e su cui tutti compresi gli allenatori erano in perenne scontro con Billy, con le vittorie anche altre squadre vogliono seguire le sue gesta...
Un film ben fatto, costruito su una sceneggiatura solida che ne ricalca il realismo e soprattutto le emozioni, che sono ben impuntate, la regia di Bennet Miller plasma la storia alla perfezione, e gli attori che sono liberi di esprimere mille sfaccettature dei protagonisti ne sono la prova lampante.
Poi troviamo un Brad Pitt in forma smagliante, che dimostra la sua maturità di attore, che titolo dopo titolo è ormai una conferma nel mondo del cinema, non dico ormai della bravura di un altro grande attore, perchè è ormai scontato che sia bravo Philip Seymour Hoffman, il suo pur non essendo un grande ruolo offre un interpretazione che dimostra mestiere e sensibilità, Philip è ormai un attore capace di interpretare qualsiasi ruolo, restando realistico e convincente, per non parlare anche di Jonah Hill che abbiamo visto anche in Cyrus e che offre un ruolo decisamente meno comico e più realistico.
L'arte di vincere si conferma un film fresco, realistico, che si vede come si beve un bicchiere d'acqua fresca, e non è poco per film del genere che di solito sono pesanti e poco coinvolgenti, e questo signori miei è uno dei grandi pregi di Moneyball, la regia è diretta, precisa, di un autore che conosce il soggetto che vuole tradurre nel grande schermo e che vuole raccontare, spiccata, sincera, non perde mai di vista la sua storia e scusate se è poco.
DA NON PERDERE


Commenti

  1. a Jonah Hill avrei dato l'Oscar:)

    RispondiElimina
  2. Concordo al 100%. Il film più sottovalutato della stagione: grande sceneggiatura, interpreti bravissimi. Pitt credibilissimo e malinconico, perfetto nel suo ruolo. Jonah Hill strepitoso.
    Un film davvero da non perdere.

    RispondiElimina
  3. eh si, ma è sottovalutato davvero? Allora è un oggettino prezioso, da collezionare indubbiamente ^^

    RispondiElimina
  4. Grandissimo film, passato troppo in sordina.
    Scritto ed interpretato benissimo, e clamorosamente emozionante.

    RispondiElimina
  5. Ford, sono d'accordissimo con te :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.