Passa ai contenuti principali

Full Frontal

Un film presentato come il sequel di Sesso, bugie e videotape, opera d'esordio di Soderbergh, che a differenza è un capolavoro, Full Frontal, lo dico subito vuole fare il sequel di quel film ma ad essere sinceri, è un film apparte, che vorrebbe essere filosofico, morale, su un gruppo di persone che cercano qualcosa, ma è un qualcosa che non si afferra mai, persone che vogliono apparire non per come sono, persone che incontrano altre persone e ci vogliono provare etc etc etc...non so voi, ma io mi aspettavo qualche scena pruriginosa, e invece mi sono sorbita un ora e passa di film pieno di accenni ma che non arrivano mai al dunque, la tanto decantata scena del topless di Julia Roberts, è stata una provocazione del regista, ma effettivamente non s'è vista nel film, o forse l'anno tagliata, un film che non è capace di provocare, solo di accennare lasciando lo spettatore sulla soglia come il cagnolino che aspetta la mollichina di pane che il padrone accenna a gettargli ma che poi effettivamente non gliela getta, non è giusto così, se vuoi provocare abbi il coraggio di farlo, in un certo senso ammiro il coraggio di Lars Von Trier, che è capace di provocare andando fino infondo, Soderbergh ti fa mille seghe mentali, senza mai andare al dunque, ma è pura masturbazione visiva, io se il film leggo che è provocatorio, non deve solo accennare, deve essere provocatorio, deve scuotermi, farmi pensare, deve disturbare, in modo che mi lasci emozioni, pensieri, condivisibili o meno, però deve darmi emozioni, questo film accenna soltanto, facendo cadere nella noia lo spettatore che si trova a guardare film girate con l'effetto da telecamera in spalla, un film che si preannuncia indipendente, ma è incapace di lasciarsi andare, come dice il titolo della locandina, ok tutti vogliamo lasciarci andare, allora perchè non lo fai? Perchè non mantieni quello che prometti? Soderbergh delude, laddove con lo splendido film d'esordio sapeva incantare, questo non è provocare, questo è giocare con il pubblico dimostrando che non sai che strada percorrere e ci mette dentro star, di prima grandezza, vedi Julia Roberts, Brad Pitt, David Duchovny e affini, con attori indipendenti, per poi far cadere il tutto in una noia mortale, facendo cadere il film in un vuoto assoluto, mostrando la sua incapacità di plasmare la storia e soprattutto gli attori, e mostrando la sua incapacità di sviluppare il soggetto nel film. Peccato.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.