Passa ai contenuti principali

Ciao Pussycat

Prima sceneggiatura di Woody Allen, diretta da Clive Donner, con due strepitosi Peter Sellers e Peter O' Toole, che per tutta la durata del film divertono lo spettatore senza fermarsi mai, merito anche della brillante quanto originale sceneggiatura di Allen e della regia di Donner, che ne fanno una commedia irresistibile entrata di diritto tra i cult del cinema. Ma andiamo al film, che si presenta eccezzionale sotto parecchi punti di vista, roba da scompisciarsi, allora protagonisti sono un donnaiolo che dovrebbe mettere la testa apposto dato che si è innamorato Michael James, la fortunata è Carol Werner - una spigliatissima Romy Schneider - come essere aiutato per smettere di andare dietro le sottane? Ci pensa il dottor Fritz Fassbender, ancora più donnaiolo di lui, e viene da chiedersi, come riuscirà Michael a resistere al fascino della seduzione con un analista ancora più donnaiolo di lui?, in una girandola di situazioni, ora grottesche ora divertenti, e anche allucinate, il nostro amico nonostante gli sforzi non riuscirà a porre freno al suo problemino, nemmeno durante il matrimonio, ed è proprio questo fatto che rende ciao pussycat un film irresistibile, mettere due donnaioli a confronto, e le conseguenze sono disastrose oltre che spassosissime, perchè ovviamente se tu nasci pomodoro, non puoi trasformarti in patata, e quindi il nostro rubacuori, non può fare nient'altro che accettare il suo status di donnaiolo incallito, anche se riesce a sposare la sua amata Carol, sarà proprio lei a fargli mettere la testa a posto? E chi lo sa, fattostà, che proprio nella scena dell'albergo che è il culmine del film i nostri eroi si ritrovano tutti a confrontarsi con le loro conquiste, in una serie di gag ed equivoci esilaranti.
Woody Allen ancora lontano dalle sue regie, scrive un film sull'amore, esilarante, e mette alla berlina i rapporti sentimentali tra uomini e donne, i cui i primi sono donnaioli incalliti talmente sensibili al fascino femminile, da non resistere, e le donne, che sono caratterizzate in maniera eccellente, devono fare i conti con questa mania rischiando di perdere la testa.
Clive Donner dirige una commedia semplice e frizzante, e un po' trasgressiva, che strizza l'occhio allo spettatore facendolo divertire, sulle vicissitudini dell'amore, rendendolo un film straordinario, coaudiuvato dalla brillante sceneggiatura di Woody Allen,che qui esordisce sia come attore che come sceneggiatore, un film divertentissimo e spensierato da non perdere assolutamente.
CULT.


Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.