Passa ai contenuti principali

Lucy

Ooooh Evviva Scarlet Johansson, sono contenta che ha scelto di lavorare con un regista spaccaculo come Luc Besson, dopo la vaccata di under the skin un prodotto d'azione che è un mix anche di fantascienza e divertimento, che goduriaaa, ragazzi la volete sapere una cosa? Ci voleva!!!
E che diamine, anche un blockbuster può essere un film spaccaculo, e questo lo è, anche se io gli preferisco senza dubbio Il Quinto Elemento che è il mio preferito diretto da Besson escludendo Lèon.

E questo film si che è un filmone, di quelli che quando partono non si fermano più, e sti caxxi, ma ci voleva per la Scarlett dopo quella vacconata come la chiamo io, buona solo se soffri d'insonnia, i film hanno bisogno di adrenalina, azione, inseguimento e una storia che si regga in piedi....ci voleva proprio eh xD
come potete vedere questo film mi è piaciuto un casino, l'ho trovato coinvolgente, ben scritto e diretto da un Luc Besson che praticamente ha fatto un mix tra Nikita e Il Quinto Elemento facendo uscire le  palle finalmente alla Scarlett.

La trama è molto semplice, schietta, d'altro canto il film è scritto benissimo, e racconta di una ragazza Lucy che viene raggiunta dal fidanzato che la lega con le manette a una valigetta, fino a quando un gruppo di giapponesi non lo fa fuori e si prende la ragazza con la valigetta, quello che Lucy non sa è il contenuto della valigetta.
La valigetta contiene una potentissima droga in grado di fare arrivare un essere umano all'uso del 100% del suo cervello.
Raggiungere un simile potere può essere pericoloso, se usato nelle mani sbagliate, ad aiutare Lucy c'è uno studioso le cui ricerche sono concentrate proprio sull'uso del cervello umano.
L'unico che capisce la situazioe è proprio lui, ci sono anche quelli che ci vogliono guadagnare e che vogliono sfruttare la situazione compresi i giapponesi, e lei dovrà armarsi fino ai denti per salvarsi la pelle.
L'avete capito che questo film per me è davvero ganzo.
Promosso, anche se non è un capolavoro, ma chi se ne frega m'è piaciuto e gli metto....mmmmh quanto gli metto?
Eddje gli metto 7
Ooooh non ho scritto voto...evabè per stavolta non l'ho scrivo va...


Commenti

  1. non mi ha convinto fino in fondo ma devo riconoscere che è almeno un po' diverso dagli ultimi Besson ( e non parlo di regie ma soprattutto di soggetti e sceneggiature)...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si è molto diverso, ma in confronto comunque Besson ha fatto di meglio, e per la johansson, rispetto a quella cacchiata di under the skin questo è una manna dal cielo :D

      Elimina
  2. la tua recensione è molto più divertente che il film

    RispondiElimina
  3. Sei quella che l'ha trattato meglio, finora... ma continua a non ispirarmi per nulla

    RispondiElimina
  4. Recensione fantastica.
    Peccato che il film faccia davvero cagarissimo.
    Ne parlerò anch'io domani.

    RispondiElimina
  5. Come ho scritto dalle parti del Bradipo, l'ho trovato un "brunch" cinematografico assemblato prendendo spunto da filmoni tipo 2001: Odissea nello Spazio e altri film "minori" quali Limitless e Transcendence. Ma il tutto è stato fatto male, ma male male male... Da Besson ci si aspetta sempre un po' di più che un filmettino di 85 minuti scarsi superficiale e smozzicato come Lucy. Il finale, poi, tragicomico. Non sapevo se ridere, piangere o mandare a quel paese Besson dalla poltrona del cinema...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e invece a me è piaciuto, mi ci sono divertita a guardarlo :)

      Elimina
  6. grande arwen!
    anche se non tutto funziona alla perfezione, soprattutto nel finale, come pellicola d'intrattenimento non è niente male.
    alla faccia di tutti i critici snob ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, anche questo cinema serve, per staccare da una visione impegnata e l'altra ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Big Little Lies

Ed eccola, non è una serie tv, ma una miniserie, ideata da David E Kelley e diretta da Jean Marc Vallè, incentrata sull'amicizia di tre donne, Celeste, Jane e Madeleine, che vivono la loro vita, a Monterey, una cittadina dell'america.
Celeste deve fare i conti con un marito violento a cui inspiegabilmente perdona sempre tutto, Madeleine soffre perchè la figlia vive con l'ex marito e la sua nuova compagna, e Jane deve fare i conti con un trauma subito e la crescita di suo figlio, accusato da un altra loro conoscente di bullizzare sua figlia.
La prima miniserie che vedo, a parte altre di canale 5 che ho visto soprattutto quando ero molto piccola, alcune le ho dimenticate, altre come Disperatamente Giulia me le ricordo con affetto ancora oggi.
Big Little Lies invece è diversa, intanto ci sono due grossi calibri che rispondono ai nomi di Laura Dern - e per chi è Lynchano come me non può sottovalutare la bravura di questa eccezionale attrice - e la sempre apprezzatissima da me N…