Passa ai contenuti principali

Jimi - All is By My Side

Film partito col piede sbagliato, la famiglia di Jimi Hendrix non ha permesso l'utilizzo delle sue musiche nel film, e così vediamo un film su Jimi Hendrix senza la sua musica, un po' come andare a un concerto degli U2 e non ascoltare le loro canzoni tanto per fare un esempio.

Il film appare piuttosto incompleto, l'autore non si concentra su tutta la vita di Hendrix, ma racconta gli inizi che lo hanno fatto scoprire dalla fidanzata di Keith Richards dei Rolling Stones prima ancora che diventasse un mito del rock, suonava in una band in cui il suo talento restava in ombra, è stata proprio la donna che lo ha scoperto a dargli una chance per diventare poi quello che sarebbe diventato.
Il cammino che sembrava finire già sul nascere, invece lo porterà alla rivelazione del suo immenso talento e l'entrata nell'olimpo della musica rock.
Un film musicale dovrebbe innanzitutto avere la musica del suo protagonista, ciò che manca a questo film è appunto l'Hendrix musicale, causa il rifiuto degli eredi di dare il permesso di utilizzarla nel film, sinceramente non so il perchè, ma questo divieto se possiamo chiamarlo così mi è sembrato assurdo e senza senso.
La regia è piuttosto anonima, quasi assente, mentre sono gli attori a salvare in parte un film che altrimenti sarebbe stato dimenticabile, ovviamente lo portano tutto loro sulle spalle, il che appesantisce di molto la visione.
Il film scorre sempre su dialoghi tra Jimi Hendrix e Linda Keith, cioè colei che lo ha scoperto, interpretati dal bravo Andrè Benjamin, leader degli Outkast e Imogen Poots che interpretano Jimi e Linda, il cui rapporto fa sottintendere anche qualcosa di sentimentale tra i due, sempre sfiorato e mai del tutto soddisfatto, tra le cose positive c'è l'immagine di Hendrix non come leggenda del rock, ma come essere umano, in conflitto con il padre - incredibile la scena in cui il genitore lo sgrida e poi sul palco ci sono i beatles ad ascoltarlo, segni dei tempi che cambiano in meglio - noi pubblico ci avviciniamo ad una leggenda del rock prima ancora che essa entri nell'olimpo del rock, e lo conosciamo come uomo, questo e la recitazione, grazie alla sceneggiatura scritta dallo stesso regista salva il film dal baratro.
Peccato per le musiche, amo molto Jimi Hendrix come musicista, e il sapere che non c'erano le canzoni mi ha avvicinata al film in maniera un po' titubante, meno male che almeno lo script era interessante, rispetto alla regia.
In conclusione: si può vedere, nonostante i difetti è senza infamia e senza lode.
Voto: 6 e 1/2




Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.