Passa ai contenuti principali

Il Capitale Umano

Primo film drammatico per Paolo Virzì, il ritratto amaro della borghesia italiana, con al centro due famiglie coi soldi, con due figli uno a testa, e la seconda ne aspetta un altro, un incidente, e un colpevole che ancora non ha il coraggio di uscire allo scoperto, una storia vista attraverso due punti di vista.

Film presentato come il caso cinematografico dell'anno, scritto da un americano e diretto da un italiano che per tutta la carriera ha fatto solo commedie nella maggioranza dei casi, escluso il formidabile esordio con La Bella Vita, sembra una mossa vincente sulla carta, e in parte lo è pure.
Non male il film devo dire che non mi è dispiaciuto, anche se devo ammettere tutto questo caso cinematografico non glielo ho visto.
Paolo Virzì cerca di fare un opera autoriale, personalizzandola e cercando laddove molti autori cercano di colpire il bersaglio, ma sappiamo tutti che Virzì non fa certo cinema d'autore, ma si deve pur sottolieanre la sua prova di dare al suo film una certa qualità, e non si può certo sottovalutare questo caso.
Ma il film non è certo privo di difetti.
Proprio per questa costruzione a film d'autore forse Virzì dimentica di tenere a freno certe inventive, che rischiano di confondere lo spettatore, non che lo fanno nel vero senso della parola, ma il rischio c'è.

Il ritratto amaro e impetuoso dell'italia borghese di oggi, questo è uno dei meriti del film di Paolo Virzì, che pur non presentando nulla di nuovo fa della sana critica all'italia della gente coi soldi, gente che ha costruito la sua fortuna a colpi di culo, magari pagando mazzette e via dicendo, e ha avuto molte occasioni presentate praticamente su un piatto d'argento.
Ma dentro questo ritratto dell'italia ci pone un delitto, causato dall'incidente, quanto vale la vita umana rispetto ai soldi che possono pagare queste famiglie altolocate per "risolvere" la questione? E' questo il punto focale del film, che gira senza troppi fronzoli sulla questione.
Due ragazzi che per il caso e il destino vengono coinvolti in un incidente dove a perderci la vita è solo un poveraccio....secondo voi chi la spunterebbe?
Per scoprirlo ovviamente dovete guardare il film, che resta un prodotto senza infamia e senza lode, senza scendere in preamboli o farne il capolavoro che certamente non è.
Non male, ma Virzì dovrebbe tornare al suo cinema, non toccare il cinema d'autore, che non lo rappresenta per niente.
Voto: 6 e 1/2


Commenti

  1. a me è piaciuto molto, forse è uno dei pochi film che abbiamo che possiamo esportare senza tanto vergognarcene...

    RispondiElimina
  2. Piaciuto anche a me, forse anche un voto in più ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.