Passa ai contenuti principali

Una notte in giallo

Come direbbe l'amica Bollicina, una supercazzola, più unica che rara.
Pur con tutti i suoi difetti posso dire di essermela gustata con divertimento, tanto per spegnere i neuroni tra una visione impegnativa e l'altra.

E come supercazzola bisogna prenderla, anche se non ha nulla di originale, il plot ricorda alla lontana un cultissimo diretto dal grande Martin Scorsese, Fuori Orario con Griffin Dunne e Rosanna Arquette.
In questo film c'è una giornalista, più precisamente una Anchor Woman, che dopo una notte di baldoria perchè il fidanzato l'ha lasciata, si ritrova a dover cercare i suoi documenti e le chiavi della macchina vestita con un abitino giallo attillato.
Il titolo originale del film è Walk of Shame cioè la passeggiata della vergogna, vi lascio immaginare il perchè.
Ma andiamo al dunque, così spacchiamo il capello in quattro; come film di intrattenimento non è che sia granchè, forse potrebbe diventare un guilty pleasure, ma sinceramente parlando è soltanto un filmetto da guardare quando devi staccare tra un film e l'altro, oppure te la vuoi spassare con un pacchetto di popcorn in mano dalla vita di tutti i giorni.

E' divertente? Beh dipende dai gusti, è carino? Beh dipende anche qui da cosa vi piace, a me sinceramente non è dispiaciuto, ci sono certe gag divertenti come quella del prete e degli spacciatori, ma a lungo andare non è certo il film che si lascia ricordare o si studia all'università, francamente l'unica che davvero si salva da questo film è l'attrice protagonista, gli altri sono soltanto macchiette, prese in prestito per far cassa in attesa di copioni migliori.
Si ridacchia, specie nel vedere la anchor woman che in tv è tutta perfettina, e poi per una serie di imprevisti, si ritrova a dover scendere in strada ad affrontare una notte delirante vestita con un abitino che non lascia nulla all'immaginazione, vi lascio immaginare cosa le succede.
Tra le scene più divertenti segnalo quella del taxista polacco, che si incazza quando Megan non paga il conto perchè è impossibilitata dato che il suo borsellino è nella borsetta in macchina e le chiavi non le trova perchè le ha dimenticate a casa del ragazzo con cui ha avuto un avventura sessuale.
Carino, ma niente di chè.
Voto: 5


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.