Passa ai contenuti principali

Una notte in giallo

Come direbbe l'amica Bollicina, una supercazzola, più unica che rara.
Pur con tutti i suoi difetti posso dire di essermela gustata con divertimento, tanto per spegnere i neuroni tra una visione impegnativa e l'altra.

E come supercazzola bisogna prenderla, anche se non ha nulla di originale, il plot ricorda alla lontana un cultissimo diretto dal grande Martin Scorsese, Fuori Orario con Griffin Dunne e Rosanna Arquette.
In questo film c'è una giornalista, più precisamente una Anchor Woman, che dopo una notte di baldoria perchè il fidanzato l'ha lasciata, si ritrova a dover cercare i suoi documenti e le chiavi della macchina vestita con un abitino giallo attillato.
Il titolo originale del film è Walk of Shame cioè la passeggiata della vergogna, vi lascio immaginare il perchè.
Ma andiamo al dunque, così spacchiamo il capello in quattro; come film di intrattenimento non è che sia granchè, forse potrebbe diventare un guilty pleasure, ma sinceramente parlando è soltanto un filmetto da guardare quando devi staccare tra un film e l'altro, oppure te la vuoi spassare con un pacchetto di popcorn in mano dalla vita di tutti i giorni.

E' divertente? Beh dipende dai gusti, è carino? Beh dipende anche qui da cosa vi piace, a me sinceramente non è dispiaciuto, ci sono certe gag divertenti come quella del prete e degli spacciatori, ma a lungo andare non è certo il film che si lascia ricordare o si studia all'università, francamente l'unica che davvero si salva da questo film è l'attrice protagonista, gli altri sono soltanto macchiette, prese in prestito per far cassa in attesa di copioni migliori.
Si ridacchia, specie nel vedere la anchor woman che in tv è tutta perfettina, e poi per una serie di imprevisti, si ritrova a dover scendere in strada ad affrontare una notte delirante vestita con un abitino che non lascia nulla all'immaginazione, vi lascio immaginare cosa le succede.
Tra le scene più divertenti segnalo quella del taxista polacco, che si incazza quando Megan non paga il conto perchè è impossibilitata dato che il suo borsellino è nella borsetta in macchina e le chiavi non le trova perchè le ha dimenticate a casa del ragazzo con cui ha avuto un avventura sessuale.
Carino, ma niente di chè.
Voto: 5


Commenti

Post popolari in questo blog

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Cineclassics - Il Dottor Stranamore, ovvero come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba

Riguarda & Recensisci - CineClassics
Terminato lo special di Riguarda & Recensisci dedicato a Tim Burton, ecco che comincia quello dedicato al più grande regista di tutti i tempi, almeno per la sottoscritta, subito dopo il grande Orson Welles. Potevo non recensire i film che ancora non avevo recensito? Può mancare in un blog di cinema che ambisce ad essere il più completo esistente in Italia, un regista come Stanley Kubrick? Assolutamente no. Ed ecco a voi per vostra gioia questo special, a cominciare dai film che avevo visto, fino a recensire gli ultimi due film che mi rimangono da vedere, per completare l'intera filmografia del grande Stanley, che a due anni di distanza da Lolita, gira un film ancora più controverso del precedente.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.