Passa ai contenuti principali

Sin City 2 - Una donna per cui uccidere

Seconda avventura per Sin City, film tratto dalla graphic novel di Frank Miller, che lo co-dirige insieme a Robert Rodriguez, e così ritroviamo Marv qui in un ruolo marginale rispetto al primo capitolo, mi spiace perchè è il mio personaggio preferito, abbiamo nuovi personaggi come Eva Green la dark lady protagonista, che fa uccidere il marito da Dwight, qui interpretato da Josh Brolin.

Clive Owen non lo interpreta, e francamente è un peccato, senza però nulla togliere a Josh Brolin che come attore è davvero bravo, ma Owen dava quella marcia in più al personaggio, ma vabè...
Francamente non capisco perchè fare uscire questo film a quasi dieci anni di distanza dal primo capitolo, non è male, ma certamente lo preferisco a questo.
C'è anche Joseph Gordon-Levitt nel ruolo di un giocatore di pocker che vuole dare una lezione al suo vero padre, che si dimostra un mostro ed è il padre anche dello psicopatico che perseguitava Nancy Callahan, c'è anche Lady Gaga nel ruolo di cameriera, ma la storia principale è incentrata su Ava Lord, vera e propria dark lady in grado di ingabbiare tutti nella sua rete, tutti tranne Dwight, che si rivela più cattivo di lei, soprattutto quando capisce di essere stato fregato usando il suo cuore.
Seconda puntata del franchise di Robert Rodriguez e Frank Miller, che ritornano nella città del peccato per una storia divisa in quattro capitoli, che deragliano rispetto al primo episodio, un po' come un altra storia con personaggi diversi ambientati a Sin City.
Non ho ben capito il cameo di Lady Gaga cosa centri con il film, ma nel complesso non mi è dispiaciuto, questa volta si è toccato in noir ed Eva Green nel ruolo di dark lady è stata la vera sorpresa di questa seconda puntata.
Meno incisiva la storia di Nancy, che risulta un po' messa lì come riempitivo, anche perchè con questa seconda puntata non centra una cippa, tanto per fare un esempio.
C'è forse un po' troppa carne sul fuoco, ma sinceramente parlando rispetto a certe boiate che ho visto come film di evasione non è affatto male, anche se senza dubbio se non l'avessero girato non è che si sentiva la sua mancanza.
Certamente il film non è un seguito, ma una storia a parte, che ripesca qualche personaggio del primo episodio, peccato per Marv che sembra messo lì e non centrare nulla con le storie che il film vuole raccontare, il film rimane senza infamia e senza lode, che resta un po' in ombra rispetto al primo episodio, purtroppo.
Voto: 6 e 1/2




Commenti

  1. Per me una vera e proprio buddhanata, rimpiango di non esserci andato più duro con la recensione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. baggianata no, non è male, ma secondo me lo hanno fatto fuori tempo

      Elimina
  2. sequel parecchio inutile, un po' come (quasi) tutti i seguiti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il suo unico problema è che hanno cambiao totalmente la storia

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Masters of Sex - Stagione 1

Si, dovevo recensirla ieri, ma purtroppo non ho avuto tempo, perchè dovevo visionare diversi film che recensirò in questi giorni.
Andiamo al punto: su cosa si basa Masters of Sex?
Nulla di pruriginoso ve lo assicuro io, la serie tv è basata sulle ricerche del dottor William Masters, le cui scoperte nei suoi esperimenti hanno rivoluzionato il mondo della medicina.
La serie è ambientata verso la fine degli anni cinquanta, e le scoperte innovative del dottor Masters, che studia in maniera meticolosa i comportamenti sessuali degli esseri umani mi hanno a dir poco conquistata.
Peccato che è composta solamente da quattro stagioni, comunque per me ha un potenziale pazzesco, che include anche qualcosa di unico e originale nel panorama televisivo recente, e ci vogliono serie tv come queste al giorno d'oggi, e sono anche piuttosto interessanti.
Dobbiamo dire però che la ricerca compiuta dal dottor Masters, è realmente accaduta, e il telefilm si basa sulla biografia di Thomas Maier sullo sc…