Passa ai contenuti principali

Sin City 2 - Una donna per cui uccidere

Seconda avventura per Sin City, film tratto dalla graphic novel di Frank Miller, che lo co-dirige insieme a Robert Rodriguez, e così ritroviamo Marv qui in un ruolo marginale rispetto al primo capitolo, mi spiace perchè è il mio personaggio preferito, abbiamo nuovi personaggi come Eva Green la dark lady protagonista, che fa uccidere il marito da Dwight, qui interpretato da Josh Brolin.

Clive Owen non lo interpreta, e francamente è un peccato, senza però nulla togliere a Josh Brolin che come attore è davvero bravo, ma Owen dava quella marcia in più al personaggio, ma vabè...
Francamente non capisco perchè fare uscire questo film a quasi dieci anni di distanza dal primo capitolo, non è male, ma certamente lo preferisco a questo.
C'è anche Joseph Gordon-Levitt nel ruolo di un giocatore di pocker che vuole dare una lezione al suo vero padre, che si dimostra un mostro ed è il padre anche dello psicopatico che perseguitava Nancy Callahan, c'è anche Lady Gaga nel ruolo di cameriera, ma la storia principale è incentrata su Ava Lord, vera e propria dark lady in grado di ingabbiare tutti nella sua rete, tutti tranne Dwight, che si rivela più cattivo di lei, soprattutto quando capisce di essere stato fregato usando il suo cuore.
Seconda puntata del franchise di Robert Rodriguez e Frank Miller, che ritornano nella città del peccato per una storia divisa in quattro capitoli, che deragliano rispetto al primo episodio, un po' come un altra storia con personaggi diversi ambientati a Sin City.
Non ho ben capito il cameo di Lady Gaga cosa centri con il film, ma nel complesso non mi è dispiaciuto, questa volta si è toccato in noir ed Eva Green nel ruolo di dark lady è stata la vera sorpresa di questa seconda puntata.
Meno incisiva la storia di Nancy, che risulta un po' messa lì come riempitivo, anche perchè con questa seconda puntata non centra una cippa, tanto per fare un esempio.
C'è forse un po' troppa carne sul fuoco, ma sinceramente parlando rispetto a certe boiate che ho visto come film di evasione non è affatto male, anche se senza dubbio se non l'avessero girato non è che si sentiva la sua mancanza.
Certamente il film non è un seguito, ma una storia a parte, che ripesca qualche personaggio del primo episodio, peccato per Marv che sembra messo lì e non centrare nulla con le storie che il film vuole raccontare, il film rimane senza infamia e senza lode, che resta un po' in ombra rispetto al primo episodio, purtroppo.
Voto: 6 e 1/2




Commenti

  1. Per me una vera e proprio buddhanata, rimpiango di non esserci andato più duro con la recensione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. baggianata no, non è male, ma secondo me lo hanno fatto fuori tempo

      Elimina
  2. sequel parecchio inutile, un po' come (quasi) tutti i seguiti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il suo unico problema è che hanno cambiao totalmente la storia

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.